Mentre nelle nostre sale con Die Hard – Vivere o morire è protagonista di mirabolanti imprese per salvare l’America dai terroristi informatici, Bruce Willis si prepara già a nuove acrobatiche avventure per il prossimo film. Ma la location delle scene più spettacolari stavolta non sarà ricostruita negli studios di Hollywood, perché la produzione americana ha pensato di affittare il Pirellone di Milano. Il motivo è la vista panoramica che da lassù permette di vedere l’aeroporto di Linate e la rete ferroviaria milanese. Una location che vanta illustri precedenti: Michelangelo Antonioni girò sull’allora grattacielo Pirelli alcune scene di La Notte con Marcello Mastroianni e Monica Vitti, e Carlo Lizzani, che vi ambientò invece parte de La vita agra con Ugo Tognazzi e Giovanna Ralli. Nel cast del film, sul quale vige ancora una totale segretezza fino alla conferenza stampa prevista per giovedì, c’è anche la bella Naomi Watts, di cui però ancora non si hanno notizie. Una cosa è certa però: a partire dai prossimi giorni il Pirellone avrà un altro gradito ospite. La previsione è di un mese di riprese, durante le quali stuntmen professionisti e l’irriducibile Bruce si prodigheranno in spettacolari riprese aeree, con il permesso accordato dalla Regione Lombardia (che ha lì i suoi uffici) di utilizzare il belvedere al trentunesimo piano, a patto però di non turbare la normale attività lavorativa. Un’ipotesi che se non altro strappa un sorriso: ve li immaginate i tranquilli impiegati rispondere al telefono mentre Bruce Willis si cala con funi dal tetto inseguito da nemici e cameramen volanti? Certo non potranno dire di annoiarsi…

© RIPRODUZIONE RISERVATA