Non sempre lavorare con le grandi star di Hollywood è una passeggiata, anzi. Molte volte il loro fare da celebrity indispone tutti, regista e crew, in particolare quando le richieste dell’attore risultano impossibili da accontentare!

Sembra questo il caso di Bruce Willis, che sul set di Poliziotti fuori – Due sbirri a piede libero nel 2010, ha dato del filo da torcere al regista Kevin Smith.

L’argomento è saltato fuori durante una recente intervista del regista insieme agli sceneggiatori Paul Wernick e Rhett Reese (Deadpool, Zombieland) che con l’attore hanno lavorato in G.I.Joe – La Vendetta: «Ragazzi, siete sopravvissuti a Bruce Willis?» questa la domanda scatenante.

Reese ha risposto: «Siamo sopravvissuti a malapena. È una persona complicata da accontentare e non ha gradito molta della nostra roba», mentre Wernick si è limitato a  dire che l’attore bocciava ogni loro script.

Per Smith l’affare si è fatto molto più serio: «Se avete visto i film di Harry Potter, lui è come un Dissennatore!». Della stessa idea anche Reese che ha poi aggiunto «Sì, è come se mi avesse risucchiato l’anima…».

Fonte: CB

© RIPRODUZIONE RISERVATA