Bryan Singer ha sempre avuto un ruolo fondamentale nell’universo dei cinecomic targati 20th Century Fox. È l’autore della prima trilogia degli X-Men, nonché firma degli ultimi due capitoli della seconda (il primo, X-Men: L’inizio l’ha diretto Matthew Vaughn), Giorni di un futuro passato e l’atteso Apocalypse, che arriverà nelle sale italiane nel 2016. Ora, circolano rumor secondo cui il regista potrebbe ampliare ulteriormente la sua presenza all’interno dell’ecosistema supereroistico Fox. Sembra che la major vorrebbe affidargli le chiavi del suo mondo, così come Warner e DC hanno fatto con Zack Snyder. Il piano è in effetti suggestivo: Synger dirigerebbe il sequel di Fantastic Four – I fantastici quattro di Josh Trank prima di passare al timone del tanto chiacchierato crossover con gli X-Men.

Sarebbe interessante vedere Synger all’opera con personaggi che non siano i mutanti di Charles Xavier, ma, qualora tutto questo venisse confermato, Trank ne verrebbe fuori un po’ con le ossa rotte, perché la sua sostituzione sottolineerebbe una volta di più il poco feeling tra lui e gli Studio, che sui Fantastici Quattro puntano molto. La sensazione è che Fox consideri il reboot del regista di Chronicle un buon primo passo verso il nuovo franchise dedicato al team di supereroi, ma per fare il salto di qualità servono mani più esperte. Come quelle di Synger.

Può darsi che il Comic-Con getti più luce sulla questione.

Fonte: ComicBookMovie

© RIPRODUZIONE RISERVATA