Ad aggiudicarsi i due libri illustrato The Art of Cars 2 , contenente tutte le illustrazioni grafiche e le foto che raccontano la storia della nascita del film sono: – rullo di tamburi –   giorgy89 e puggies

Complimenti ai vincitori! Come sempre avete partecipato in tanti e non è stato semplice scegliere chi premiare! Continuate a seguirci: le sorprese non mancheranno!

giorgy89
Cars non è un semplice film d’animazione con delle macchine parlanti e belline da vedere,è una storia che vuole raccontare corse mozzafiato e storie di spionaggio alla 007 e riesce a farlo divertendo grandi e piccini!
I personaggi nel corso dei due film diventano sempre più divertenti e ci fanno capire l’importanza dell’amicizia che va oltre ad una vittoria di una gara.
Nel mondo “Cars” non esistono gli umani, sono le macchine a parlare, amare e fare affari;ma i sentimenti e le ambizioni sono i medesimi del nostro mondo e medesima è la capacità di sbagliare e la possibilità di riscatto!
E come dice un certo McQueen..Cia-Ciao!!!
puggies
Non è facile sopportare i capricci di un bambino. Specie se si è nel bel mezzo della confusione della biglietteria di un cinema in centro, arrivata lì dopo esserci stata trascinata da un cugino di 5 anni che pestando i piedi per terra mi ha “convinto” a vedere Cars, un nuovo cartone animato, di quelli stupidi, per i bambini piccoli.
Ed eccomi là, riluttante, seduta sulla poltroncina rossa ad aspettare che i 20′ di pubblicità passassero in fretta per permettere agli altri 112′ di film di terminare almeno altrettanto in fretta.Poi la scoperta: Cars è della Pixar, Pixar = Disney, beh non dev’ essere poi tanto male allora!
Dopo i primi sorrisini,seguiti a ruota dalle vere e proprie risate dovute al tenero Cricchetto e alle ridicole avances tra Saetta e Sally, facevano capolino anche l’ “ammirazione” per Doc, la sincera antipatia per Chicks Hicks e la commozione per il lieto fine.
E mentre mio cugino si accorgeva sconcertato che il film stava coinvolgendo e oserei dire anche appassionando, anche me, io stavo già sperando che in futuro potesse esserci un sequel.
Ora a pestare i piedi per andare a vedere il seguito siamo in 2. Probabilmente quasi più io che mio cugino, la cui casa ormai è un tutt’ uno con i gadget di Cars.( ok, son sincera, il libro l’ ho comprato anche io).
Attendendo che sabato arrivi presto per scoprire la continuazione dell’ avventura dei motori ruggenti, ho fatto attenzione a non leggere troppi spoiler per non rovinarmi la sorpresa, spero che i 96 minuti che mi aspettano siano magici, divertenti e intriganti almeno la metà del primo episodio. E nel frattempo… “Cia-Ciao!”

© RIPRODUZIONE RISERVATA