Il mito intramontabile di Charlot torna in auge grazie alle più moderne tecnologie cinematografiche. A riportare la notizia anche il quotidiano britannico The Guardian, La Repubblica e il sito de La stampa. Sull’onda del successo del 3D al cinema, infatti, il personaggio interpretato da Charlie Chaplin (grande protagonista del cinema anni Dieci e anni Venti e scomparso nel 1977) approderà nuovamente al cinema e in televisione con un serial animato tridimensionale. La prima serie durerà 104 minuti e sarà divisa in tre episodi. Charlot sarà ricostruito mettendo insieme le performance dell’attore di oltre settanta brevi film muti in bianco e nero. Le scene verranno ricostruite al computer e trasformate in cartone animato, con l’aggiunta anche di nuovi materiali. Un effetto simile a quello ottenuto per i cartoon di Mr. Bean (dove l’attore britannico Rowan Atkinson, protagonista del serial live-action, è stato “ricalcato” e trasformato in un disegno), ma di «qualità molto superiore», come hanno assicurato i responsabili del progetto, che sarà curato dalla Dq Enterteinmente, una compagnia di animazione ed effetti speciali (che ha già collaborato con Disney e Cartoon Network), che ha sede a Hydebarad (India). La Dq realizzerà la serie per conto della Method Animation Mk2, la società di produzione che detiene i diritti dei film di Chaplin. «Volevamo trovare un modo originale di adattare Chaplin al mondo di oggi. Lo metteremo in situazioni moderne, ma conservando la sua poetica visione della vita. Non sarà un ritratto realistico, ma un pupazzo che si muove in un universo insolito», ha commentato il presidente della Method, Aton Soumache. Il progetto non ha ancora una sceneggiatura, che dovrebbe essere stesa il prossimo anno, ma è certo che avrà costi molto alti, che supereranno gli otto milioni di euro. Oltre a Charlot, altri miti cinematografici troveranno nuova vita con la terza dimensione: dai primi due capitoli di Toy Story a La bella e la bestia; da Guerre Stellari a Il signore degli anelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA