Non si può negare che quando Bane è stato annunciato come cattivo di turno ne Il cavaliere oscuro – Il ritorno più di un fan ha storto il naso. D’altronde come si può competere con la magistrale interpretazione di Heath Ledger nei panni di Joker? Poi le riprese del terzo e ultimo capitolo del Batman di nuova generazione sono iniziate e le foto, video e indiscrezioni trapelate dal set hanno messo una pulce nell’orecchio di tanti appassionati dell’Uomo Pipistrello: “e se Nolan fosse riuscito a reinventare Bane come mai prima d’ora? E se Bane spaccasse la schiena a Batman come nel fumetto?” Il regista, si sa, non si lascia andare a facili spoiler e anche nel teaser trailer ufficiale si vedono solo brevissimi fotogrammi della nuova pellicola. Ma chi è Bane? Come si muove sul campo di battaglia? Prima Tom Hardy e poi Christopher Nolan hanno svelato una lunga serie di succosi dettagli su quello che sembra essere uno dei villain più feroci e spietati che Batman abbia mai affrontato in una lunga intervista pubblicata da Deadline.

La traduciamo per voi:

«È crudele, enorme e con uno stile di combattimento che si adatta ai colpi dell’avversario», spiega Tom Hardy, «Quando si tratta di Bane si parla di una carneficina. È una macchina di distruzione. Da manipolazioni articolari a teschi spappolati, da gabbie toraciche compresse a spine dorsali strappate. È un terrorista sia nella mente che nelle azioni brutali». E per chi fosse curioso di sapere qualcosa di più sulle scene action Hardy entra nei dettagli: «Quando ti alleni in sala prove pensi “Ok, ho uno scontro con sette persone: uno lo colpisco al mento, a un altro gli sferro un pugno, quello lo sollevo e gli tiro un suplex, quest’altro lo prendo a calci e l’ultimo lo fermo con una martellata con la testa. E poi incontro Batman. Finché sei in sala prove non c’è problema, ma poi mi trovo sul set con 1000 persone tutte vestite allo stesso modo, perché sono tutti poliziotti, e non so più dove sono quelli da colpire. Il coordinatore degli stunt, però, mi rassicura dicendo: “Non preoccuparti, ti troveremo!”». Ma se pensate che Batman non preoccupi neanche un po’ il possente Tom Hardy vi sbagliate di grosso: «[Batman] è davvero intimidatorio. C’è un bambino di 3 anni in me che dice: “Oh mio Dio, quello è Batman e sta per colpirmi!” Poi mi guardo allo specchio e lo colpisco ancora, con il doppio della forza».

Ma dopo Ra’s al Ghul (Liam Neeson) e Joker (Ledger), perché proprio Bane? A rispondere è il padre dell’Uomo Pipistrello del nuovo millennio, ovvero il regista Christopher Nolan: «Con Bane abbiamo voluto offire a Batman una sfida fisica alla sua altezza. Con questa storia e questo villain metteremo alla prova il vigilante sia a livello fisico che mentale. Inoltre, abbiamo tentato di realizzare un finale epico e la fisicità ha giocato un ruolo cruciale in questo processo. Bane è molto diverso dai cattivi che Batman ha affrontato nei film precedenti. È una specie di mostro cinematografico, ma con un’intelligenza fuori dal comune. Come nei fumetti, Bane rappresenta la prova fisica suprema per Batman». E parlando di Tom Hardy nei panni di Bane, Nolan non si risparmia in complimenti e descrive il talento di questo attore: «Ha un incredibile stacco tra la sua espressività vocale e la calma dei movimenti del suo corpo. Ha trovato un modo di interpretare un personaggio così grande e potente con una sorta di calma, in grado di tramutarsi anche in una velocità fulminea. È imprevedibile: caratteristica dei grandi attori». È quindi ora di prepararsi per quello che potrebbe essere uno scontro epico tra le forze del bene e del male, dove sarà uno solo a restare in piedi.

Il cavaliere oscuro – Il ritorno esordirà nelle nostre sale dal 29 agosto 2012.

Sotto, una foto inedita e le ultime immagini dal set de Il cavaliere oscuro – Il ritorno:

(Fonte: Deadline)

© RIPRODUZIONE RISERVATA