Tempi di crisi, tempi di horror. Per esorcizzare la paura, sdrammatizzarla e per raccontare i momenti più difficili della storia, si sa, l’arte entra in scena e ci dà la sua lettura della realtà, aiutandoci a riflettere, a capire… oppure fornendoci una via di fuga. In modo particolare, letteratura e cinema, ossia le arti che più di tutte le altre sono anche una forma di intrattenimento, in periodi come questo si focalizzano principalmente su tre filoni: la fantascienza, il fantasy e l’horror. C’è chi delinea scenari apocalittici, futuri più o meno imminenti in cui l’umanità si scontra con civiltà aliene; altri, invece, preferiscono usare la metafora di un mondo parallelo, popolato di elfi e nani magari, per tentare di descrivere o predirre la strada che sta prendendo la nostra società. Poi ci sono gli autori che per esorcizzare il “male del mondo” traducono gli eventi in orrore puro… E la realtà, la vita ci sembrano un po’ meno grame: la paura (del presente e del futuro) si sfoga nel buoio di una sala cinematografica, accanto a decine di altre persone… ed è come una catarsi…

Non è un caso, dunque, che la programmazione dei prossimi mesi preveda un crescendo dei titoli horror. E che anche laddove non vi sia nessun riferimento esplicito al genere, non manchi comunque un ammiccamento al genere… Un esempio su tutti, la vampiresca saga cineletteraria di Twilight.

Film in uscita

Primo, in ordine di arrivo, è il film Il messaggero (21 agosto) di Peter Cornwell, regista della commedia horror d’animazione Ward 13 del 2003. Al centro della scena torna la classica casa infestata. Basata su una storia vera, la pellicola racconta la terrificante avventura della famiglia Campbell, alle prese con le forze oscure del mondo soprannaturale del Connecticut, dove si trasferisce in una bella casa vittoriana dall’inquietante passato…

Un’immagine da Il messaggero
 

La settimana successiva (il 28 agosto), invece, arriverà in sala una produzione italo-marocchina, Smile (per un approfondimento leggi sotto).

Ma è a settembre che approderà nelle sale del Bel Paese uno dei film più attesi dell’anno, la pellicola che segna il ritorno alle origini di uno dei maestri dell’horror: Sam Raimi. L’11 settembre, infatti, finalmente protremo “tremare” con Drag Me to Hell. L’opera è già stata presentata all’ultimo Festival di Cannes. Christine Brown (Alison Lohman) è un’ambiziosa agente di banca di Los Angeles ed è fidanzata con l’affascinante professor Clay Dalton (Justin Long). Nella sua vita tutto sembra funzionare senza problemi, perlomeno finché l’anziana signora Mrs. Ganush (Lorna Raver) arriva in banca per chiedere un prolungamento della scadenza sul suo prestito. Christine non lo concede e la vecchina scaglia contro di lei una potente maledizione: la ragazza si troverà perseguitata da un demone e per sfuggire alla dananzione eterna srà costretta a chiedere l’aiuto di un veggente…

Ecco la clip in lingua originale dell’incontro tra Christine e Mrs. Ganush:

Alison Lohman-Christine Brown tormentata dalla maledizione in Drag Me to Hell

Alison Lohman-Christine Brown in Drag Me to Hell

Il 23 ottobre, poi, ci attendono Il corpo di Jennifer e H2: Halloween 2. La prima pellicola è la tanto attesa horror comedy di Diablo Cody (la sceneggiatrice premio Oscar per Juno), che ha come protagonista l’attrice più sexy del momente, Megan Fox, nei panni di una vampira affamata di uomini.

Megan Fox vampira ne Il corpo di Jennifer

Mentre la seconda è il sequel del remake di Halloween (l’originale era del 1978 e portava la firma di John Carpenter) targato Rob Zombie, che torna dietro la macchina da presa anche per questo secondo episodio. È di nuovo il giorno di Halloween e Michael Myers (Tyler Mane) fa ritorno nella soporifera cittadina di Haddonfield, Illinois, per occuparsi di alcune questioni di famiglia rimaste irrisolte: non si fermerà davanti a niente per celare i segreti del suo oscuro passato…

Tyler Mane-Michael Myers in H2: Halloween 2

Il 13 novembre arriverà il discusso Orphan, il film voluto da Leonardo Di Caprio (dietro il film c’è la sua casa di produzione, la Appian Way production company), finito al centro di assurde polemiche di diversi orfanotrofi, che hanno dichiarato che la pellicola scoraggerebbe le famiglie dall’adottare bambini… Al di là dei “retroscena”, il film è un horror che ha il sapore di un thriller, e che vede due star come Peter Sarsgaard e Vera Farmiga nei panni dei protagonisti. Dopo aver perso una figlia poco prima della nascita, e aver superato problemi di alcolismo e di coppia, John e Kate decidono di adottare un’altra bambina per superare la perdita… La nuova arrivata, però, porterà con sé una serie di tragedie… L’inquietante bimba ha il volto dell’undicenne Isabelle Fuhrman.

Ecco il trailer in lingua originale di Orphan:

In qualche modo legato a Orphan, l’ultimo horror del 2009 (4 dicembre) sarà Case 39. Nei panni della protagonista, un’assistente sociale alle prese con il suo 39esimo caso, c’è l’ex e futura Bridget Jones Renée Zellweger. Tentando di proteggere una ragazzina dai soprusi subiti in famiglia, la donna scoprirà una tremenda verità sul conto della bambina…

Renée Zellweger e la piccola Jodelle Ferland in Case 39

Produzioni made in Italy

Sulla scia di questo nuovo trend, anche il Bel Paese si è cimentato con nuove produzioni horror. Dopo Imago Mortis , il film di Stefano Bessoni (con Geraldine Chaplin) uscito lo scorso anno, nelle nostre sale sta per approdare la pellicola Smile (Istituto Luce, 28 agosto), per la regia dell’esordiente Francesco Gasperoni. Un gruppo di compagni di università parte per una vacanza avventurosa in Marocco, in un bosco che la leggenda vuole infestato dagli spiriti. Per immortalare i momenti più belli del viaggio, una delle ragazze compra una macchina fotografica maledetta e gli amici iniziano a morire uno dopo l’altro… I sopravvissuti trovano rifugio in un’abitazione abbandonata… Insomma, niente di nuovo – o quasi – sul grande schermo: la trama è un mix di storie già viste, da La casa a The Blair Witch Project. La coproduzione italo-marocchina, però, è molto lontana da quelle, ad esempio del cinema statunitense (che può vantare di avere tra i suoi registi alcuni tra i maestri del genere), pecca per diversi aspetti (a cominciare dal cast: come si fa a prendere un gruppo di ultratrentenni per interpretare degli studenti universitari? Si salva solo l’esperto e inquietante Armand Assante (nei panni di fotografo forense).

Armand Assante in una scena di Smile

Tuttavia, il pubblico italiano, e non solo, è in attesa di poter assistere all’ultima opera di Dario Argento, Giallo, la cui distribuzione continua a slittare. Annunciato per Cannes 2009, il thriller del maestro del brivido è finito invece nel programma del più defilato Edinburgh Film Festival, e ancora è fitto il mistero sulla data di uscita nelle sale. Il film è ambientato a Torino, dove un serial killer sta gettando nel panico la città: l’uomo, un tassista, massacra donne bellissime… Sulle sue tracce, indaga il commissario Enzo Avolfi (Adrien Brody), aiutato dalla sorella (Emmanuelle Seigner) di una delle donne rapite dal “mostro” per uno dei suoi macabri rituali…

Adrien Brody nei panni del commissario Avolfi in Giallo

Adrien Brody sul set di Gaillo insieme al regista Dario Argento

Sotto, il trailer internazionale di Giallo:

Horror a tre dimensioni

Dopo l’exploit planetario di San Valentino di sangue, che ha incassato nel mondo più di 75 milioni di dollari, sono in arrivo sul grande schermo altri due film horror 3D. Il più atteso è il quarto capitolo del franchise Final Destination, che si intitolerà appunt The Final Destination e uscirà in Italia il 22 gennaio 2010. La direzione è stata affidata a David R. Ellis, regista del secondo episodio della saga (2003) e di Cellular. Questa volta, la fuga dalla morte inizia durante una corsa di automobili…

Una scena del film The Final Destination

Anche l’animazione non è rimasta indenne di fronte al fascino e alle possibilità dell’horror 3D. Così, come vi avevamo annunciato qualche giorno fa, la casa di produzione Perspective Studios ha acquistato i diritti di un racconto di H. P. Lovecraft, The Terrible Old Man (Il terribile vecchio) del 1920 per realizzare Blood Trail. Tre ladri sono a caccia del fantomatico tesoro di un uomo anziano e dal misterioso passato. L’incontro con la presunta “vittima”, però, non sarà esattamente quello pianificato… Come si evince dalle immagini, qui sotto, le scene splatter non mancheranno. Non è ancora nota, però, una data di distribuzione italiana.

Una scena di Blood Trail

Prossimamente…

Anche l’inizio del 2010 sarà all’insegna della paura… Il 5 gennaio approderà sugli schermi Rec 2 (sequel del fortunato e apprezzato dalla critica Rec – La morte in diretta, film spagnolo del 2007 diretto da Jaume Balagueró e Paco Plaza, che tornano insieme dietro la macchina da presa anche per il secondo episodio). A riprendere i drammatici eventi (un pericoloso virus trasforma la gente in zombie) di questo capitolo saranno le telecamere delle squadre di polizia, impegnate a combattere i nuovi “mostri”…

Ecco il trailer di Rec 2:

Il 22 gennaio 2010, invece, sarà la volta del quarto capitolo del franchise Final Destination, di cui vi abbiamo già raccontato sopra. A maggio (il 7, per la precisione) toccherà alla commedia horror Zombieland. Come si deduce dal titolo, anche in questo i protagonisti sono dei morti viventi. E gli zombie spopolano, ovviamente, nell’ultimo film del maestro Romero, che (in data da destinarsi) arriverà anche in Italia con il suo ultimo progetto (della lunga serie dedicata ai morti viventi, inziata nel 1968): Survival of the Dead, di cui vi abbiamo recentemente raccontato le ultime evoluzioni. Gli zombie, poi, tornano anche in Jonah Hex, il cine-comic western horror che vede tra i suoi protagonisti la bella pistolera Megan Fox.

Megan Fox in Jonah Hex

L’adattamento del fumetto arriverà sugli schermi italiani il 1° ottobre 2010, nello stesso giorno di Resident Evil: Afterlife, quarto capitolo della serie basata sull’omonimo videogioco, con protagonista la ex modella Milla Jovovich.

Infine, non ha ancora una data di distribuzione, ma è già uno dei film più attesi dagli appassionati del genere, anche i vampiri trovano spazio nei film horror in arrivo (complice, come dicevamo sopra, il successo della Twilight Saga?). La pellicola in questione è Blood: The Last Vapire. La protagonsita del film, Saya, èuna samurai di 400 anni, metà umana e metà vampira, l’unica al mondo in grado di arrestare i demoni, sempre più pericolosi, che stanno prendendo possesso della Terra.

Per saperne di più, visita la nostra photogallery, cliccando sull’immagine qui sotto.

Best Movie ti ha raccontato tanto, ora però dicci la tua: qual è il film horror che attendi di più? Quale, invece, non ti ispira per niente? Insomma, cosa ti aspetti da questa valanga horror? Dicci la tua!

© RIPRODUZIONE RISERVATA