Presentato oggi a San Diego anche il nuovo Ghost Rider: Spirit of  Vengeance, in arrivo sul grande schermo a febbraio 2012. Il film è il sequel di un cinecomix non particolarmente fortunato del 2007, ma le premesse di una seconda puntata superiore alla prima ci sono tutte. I registi sono infatti Neveldine & Taylor, che con i due Crank hanno firmato gli action muscolari più folli e adrenalinici degli ultimi dieci anni.
L’altra curiosità, soprattutto per noi italiani, è che la protagonista femminile del film è Violante Placido.
In conferenza stampa Nicolas Cage ha cercato di chiarire il netto cambio di rotta tra la prima e la seconda puntata: “Il primo film era qualcosa che poteva divertire anche i bambini. Me l’ero immaginato come una specie di fiaba. Questo invece va decisamente nella direzione dell’incubo. Io, Neveldine e Taylor volevamo qualcosa che spaventasse e divertisse assieme, ma di certo che spaventasse. Quindi c’è molto humor, molto sarcasmo e molta… oscurità”.
Inoltre, anche se non dei più famosi, anche Ghost Rider è tratto da un fumetto Marvel, il che fa tornare d’attualità la domanda che molti giornalisti hanno posto in questi giorni a registi e attori: non cominceranno a diventare un pò troppi i cinecomic? Al riguardo Cage ha le idee piuttosto chiare: “Oggi i film di supereroi sono il perfetto intrattenimento. Siamo tutti cresciuti con i fumetti e ora abbiamo finalmente la tecnologia che ci permette di metterli in scena in modo perfetto, senza quegli stupidi costumi degli anni 70”.
Nota a margine: la conferenza stampa è stata abbastanza folle. La luce andava e veniva, e quando se ne andava Neveldine cominciava a simulare una voce d’oltretomba, dicendo cose come “ora vi succhieremo il cerveeeeeelloooo…”. Taylor invece fingeva di parlare al telefono con sua madre ben vicino al microfono quando la risposta di qualcuo lo annoiava. Infine Cage ha fatto ridere tutti cercando di spiegare con una faccia serissima la differenza tra il suo personaggio in Drive Angry e quello di Ghost Rider: “Sono completamente diversi”, ha detto, “completamente: uno è un uomo morto vivente, l’altro è un uomo vivo che si trasforma in un fantasma, quindi in una specie di morto. Sono diversi…”. (Foto: Getty Images)

Scopri tutte le novità del Comic-Con 2011

© RIPRODUZIONE RISERVATA