Era la presentazione più attesa del Comic-Con 2011 ed è andata in scena oggi, causando una fila impressionante all’ingresso della gigantesca HALL H (che può contenere addirittura 6500 persone, e tuttavia oggi ne ha lasciate fuori almeno un altro migliaio). Stiamo parlando di The Amazing Spiderman, che qui a San Diego era rappresentato da tutto il cast principale – Andrew Garfield, Emma Stone e Rhys Ifans – oltre al regista Mark Webb (lo stesso di 500 Giorni Insieme).
Garfield, in particolare, sfoggiava una maglia rossa con delle righine nere non certo casuale, mentre la Stone – che è piuttosto bassa – restava in equlibrio su quasi 15 centimetri di tacco.
“Ho saputo che mi era stata assegnata la parte durante un junket di The Social Network a Cancun”, ricorda Garfield, “e per il resto della giornata ero talmente esaltato che non sono riuscito a concentrarmi su niente”. Potrebbe sembrare un’esagerazione, ma Garfield ha davvero gli occhi che gli brillano quando parla della sua passione per il personaggio.
Alto, longilineo e apparentemente esile, con un impressionante cespuglio di capelli, Andrew sembra uno studente universitario molto più che una star del cinema, e non si fatica a credergli quando racconta di essere cresciuto immerso negli albi della Marvel: “Tra le mie saghe preferite c’è senz’altro The Ultimate Spiderman, perché lì l’Uomo Ragno ha un design per cui risulta particolarmente magro. E io sono sempre stato magro, e questo mi permetteva di immedesimarmi di più”.
Una passione che non trova riscontro nella sua partner nel film Emma Stone: quando le chiedono che eroina dei fumetti le piacerebbe interpretare, prima fa scena muta, poi dopo qualche secondo dice: “Vorrei tirare fuori una dozzina di nomi, ma la verità è che non sono proprio la persona giusta per questa domanda”.
Il regista Mark Webb, invece, sottolinea che se la regia è stata affidata a lui –  diventato celebre con un film sentimentale – non è certo un caso: “Spiderman è il supereroe più adatto per il cinema non solo per il suo potenziale spettacolare, ma anche perché ha una forte connotazione romantica, e penso che lo Studio abbia pensato a me per questo”.
Per scoprire se Webb si sarà dimostrato all’altezza del compito (questo è soltanto il suo secondo lungometraggio) e del suo predecessore Sam Raimi, bisognerà aspettare fino al 3 luglio 2012 – un intero anno – ma nel frattempo Best Movie ha in programma molte sorprese per voi, a partire dal numero in edicola a settembre. 
Per ora vi lasciamo con la parole, assai lusinghiere, che il nuovo Spiderman Garfield ha dedicato al vecchio, Tobey Maguire: “Adoro l’interpretazione di Tobey: la prima volta che ho visto il suo Spiderman ero molto giovane, ed ero andato letteralmente fuori di testa. Alcuni anni dopo, quando è uscita la notizia che avrei fatto Spiderman, lui mi ha mandato una bellissima e-mail, che non mi aspettavo, e io l’ho apprezzato molto”.

Scopri tutte le novità del Comic-Con 2011

© RIPRODUZIONE RISERVATA