Al Comic-Con è il giorno della FOX che ad un affollatissimo panel del primo pomeriggio presenta i suoi due nuovi progetti di fantascienza, in arrivo tra la fine del 2011 e il 2012: Prometheus e In Time (guarda le foto in esclusiva). E in tutti e due i casi mostra in anteprima mondiale nuove clip o nuovi trailer.

A condurre l’evento è Damon Lindelof, ovvero uno dei due papà di Lost – di cui è stato anche sceneggiatore e produttore – e che in questo caso è particolarmente di casa: è infatti l’autore della sceneggiatura di Prometheus, il prequel di Alien con il quale Ridley Scott torna alla saga sci-fi con cui oltre trent’anni fa rivoluzionò il cinema di fantascienza, contaminandolo pesantemente con il new horror.

È lo stesso regista, in diretta video con San Diego dall’Islanda insieme a Noomi Rapace (anche lei nel cast), a sottolineare tuttavia che il suo nuovo film ha pochissimo a che vedere con l’originale, se non per una questione di “DNA alieno”, e che è del tutto indipendente dalla saga. Sulla trama resta invece piuttosto abbottonato, svelando soltanto che nel film ci saranno«due robot, o androidi, come preferite chiamarli», probabilmente mischiati tra i membri dell’equipaggio.

L’altra anticipazione la dà Charlize Theron, presente in carne e ossa alla convention: «il mio personaggio fa parte dell’equipaggio della nave spaziale protagonista del film: non è né una donna di scienza, né una donna di fede, ma qualcos’altro; e si svela soltanto nel terzo atto della storia, con un colpo di scena che non posso anticiparvi».

Per quanto riguarda le immagini, qui a San Diego si è vista in anteprima mondiale la prima clip del film, e nonostante le parole di Scott i richiami visivi al suo capolavoro del 1979 sono numerosi ed evidenti: l’astronave dei protagonisti è buia e opprimente, così come gli ecosistemi alieni ricordano da vicino nel concept quelli che già conosciamo. Colpiscono invece il look di Michael Fassbender, che sfoggia una strana pettinatura e ha un aspetto quasi etereo, e quello di Noomi Rapace, inguainata in un succinto bikini bianco, che ricorda il look di Milla Jovovich ne Il quinto elemento.

Interessante infine il fatto che, per un film così costoso e girato in 3D, si è comunque preferito optare per un ampio uso di scenografie artigianali, limitando l’invadenza della CG (computer grafica). Anche perché, come ricorda Scott, «non è affatto detto che gli effetti digitali siano meno costosi».

Dopo la presentazione di Prometheus, l’altra ghiotta anticipazione riguarda In Time, un action-thriller fantascientifico firmato da Andrew Niccol, il regista di Gattaca. E i temi che gli sono cari, ovvero le distopie ispirate alle distorsioni sociali e scientifiche del nostro presente, ritornano anche in questo nuovo titolo. In Time racconta infatti di un futuro possibile in cui la nuova moneta è il tempo. Tutti gli esseri umani sono controllati fisiologicamente fin dalla nascita tramite l’ingegneria genetica, e a 25 anni smettono di invecchiare. Peccato che a quel punto gli resti anche solamente un anno da vivere. Poi, automaticamente, si ‘spengono’, a meno che non guadagnino in qualche modo altro tempo.

Per questo, come è facile capire, i nuovi ricchi sono coloro che hanno moltissimo da vivere. Il loro tempo residuo, come quello di tutti, lo portano tatuato sugli avambracci, e diminuisce continuamente. C’è chi ha un secolo ancora da vivere, e chi solo poche settimane, e tutto si paga in minuti e secondi. Un caffé al bar? Tre minuti netti.
Quel che accade a questo punto, come si racconta nel trailer presentato qui a San Diego, è che il protagonista della storia, un tizio con poco da vivere interpretato da Justin Timberlake, si ritrova improvvisamente con un dono inaspettato: un uomo-ragazzo ricchissimo gli trasferisce tutto quel che ha – ovvero svariate centinaia di anni- prima di suicidarsi. Peccato che quel tempo faccia gola a molti, e che la polizia (incarnata dall’irlandese Cillian Murphy), gli stia alle calcagna per cercare di scoprire come si sia impossessato di tutta quella ricchezza.

Dal trailer, in cui compaiono oltre a Timberlake e Murphy, anche le due coprotagoniste Amanda Seyfried (Cappuccetto Rosso Sangue) e Olivia Wilde (Tron: Legacy), il film promette davvero bene. Uscirà negli Stati Uniti a ottobre di quest’anno.


Nella foto in alto Amanda Seyfried e Justin Timberlake, al 20th Century Fox Panel – Comic-Con 2011 (Foto: GettyImages)

Qui sotto i poster di In Time, pubblicati da Rope of Silicon e la prima immagine di Prometheus diffusa da Collider:

(Fonti immagini: Rope of Silicon; Collider)

© RIPRODUZIONE RISERVATA