17:03: si conclude il panel con un altro giro di footage. Considerazioni dopo una seconda visione: lo spettacolo è indubbio, il design azzeccato e c’è un’enorme quantità di campi lunghi di pianeti alieni. Il mondo ha bisogno di più campi lunghi. E ora chiudiamo qui la diretta in attesa dello Zero Theorem di Terry Gilliam.

17:00: il Vostro Affezionatissimo ci tiene a farvi sapere che il panel è completamente degenerato in una serie di gag con protagonista Harrison Ford. Per esempio, ora sta spiegando che Han Solo non sarebbe un buon soldato perché lui è un freelance.

16:55: «Leadership is not only about how you lead the others, but also about how you lead yourself»: Gavin Hood ci regala un aforisma di alto livello.

16:53: per la cronaca, riguardo alle polemiche scatenate dalle dichiarazioni di Orson Scott Card (autore del romanzo) contro il matrimonio gay, Bob Orci si schiera con forza a favore dei diritti degli omosessuali – e quindi contro OSC, di fatto.

16:51: Asa Butterfield spiega che la sua più grande sfida è stata andare sul set ogni giorno e pensare «davanti a me c’è Han Solo» e non emozionarsi.

16:49: Gavin Hood ci tiene a precisare che la cosa più importante per lui nel film è la storia e la sua profondità, la CGI spettacolare è solo un bonus.

16:44: abbiamo visto la prima clip/trailer/montaggio. È la cosa più lontana dal romanzo che si possa immaginare, uno spettacolone sci-fi visivamente incredibile e con parecchi rimandi al modo di raccontare lo spazio usato da Kubrick in 2001 (simmetrie e geometrie, gli interni delle astronavi…). Il che non significa che c’entri qualcosa con 2001, sia chiaro: più che altro, quel che abbiamo visto sembra uscito da “Mass Effect meets Harry Potter”, con parecchi spunti da cinefilo puro che probabilmente Gavin Hood si è divertito a infilare a tradimento in alcune inquadrature. Visivamente l’impatto è pazzesco, anche se basato al 90% sulla CGI, bisogna vedere se la sceneggiatura reggerà il peso di un romanzo così denso e pesante. Abbiamo riconosciuto un paio di scene del romanzo che non ci aspettavamo sarebbero state riprese, il che sicuramente è una cosa positiva. E Asa Butterfield sembra perfetto.(nel frattempo, per la cronaca, Harrison Ford gigioneggia)

16:41: clip! Torniamo tra poco.

16:40: parla Gavin Hood, prima di mostrare la clip. O almeno, teoricamente dovrebbe essere così, ma Gavin Hood vuole che sul palco ci sia altra gente e chiama Asa Butterfield e Hailee Steinfeld! Rovinando così tutto il programma previsto, il che è meraviglioso. Anche perché sta per entrare Indiana Jon… ehm, scusate, Harrison Ford! In formissima, tra l’altro, e coperto da una marea di applausi.

16:37: ci siamo (quasi)! Il palco per la presentazione di Ender’s Game è quasi pronto, anzi, lo è! Salgono sul palco Bob Orci Gavin Hood.

© RIPRODUZIONE RISERVATA