Si è aperta ieri la 21esima edizione del Courmayeur Noir in Festival e nella serata di inaugurazione (dove è comparso anche il nostro blogger Luca Argentero per un veloce saluto) si è tenuta la proiezione di Margin Call, l’acclamato thriller finanziario sul crollo di Wall Street del 2008 che è già stato presentato con successo al Sundance e al Festival di Berlino.
Produzione indipendente e opera prima del promettente regista JC Chandor, Margin Call racconta il collasso di una delle più importanti banche d’investimento americane quasi fosse una tragedia scritta da Eschilo o Shakespeare dove si muovono manager-regnanti divorati da un’inesauribile fame di successo e avidità. Ispirato alla storia vera del crollo della Lehman Brothers, il film racconta un dramma finanziario “a porte chiuse” che si consuma nel corso di una notte in quegli uffici dai computer perennemente accesi di Wall Street: un tesissimo conto alla rovescia di meno di 24 ore per mettere in piedi un piano di emergenza e fronteggiare l’imminente bancarotta. Tra le strade di una New York vista dall’alto dei grattacieli ancora ignara della tragedia che sta per abbattersi, l’analisi dei protagonisti sul proprio ambiguo operato e la scelta delle vittime sacrificali da dare in pasto alla stampa e alla politica come capro espiatorio, Margin Call è un film scurissimo e avvincente, scritto con chirurgica precisione e con una regia patinata che riesce a tenere alto il ritmo.
Gran merito della riuscita del prodotto va sicuramente al cast d’eccezione composto da Kevin Spacey, Paul Bettany, Jeremy Irons e Demi Moore. E ai due più giovani protagonisti Zachary Quinto e Penn Badgley.

Il film sarà distribuito nei prossimi mesi nelle sale italiane da 01 Distribution.

Margin Call è tra i film in gara al Concorso del Festival la cui giuria è composta anche da due attori del nostro cinema: Carolina Crescentini e Vinicio Marchioni.

Il Courmayeur Noir in Festival si svolgerà fino all’11 dicembre.

Qui sotto il trailer in inglese di Margin Call



© RIPRODUZIONE RISERVATA