Prendete Indiana Jones e James Bond, confinateli in una polverosa città del Vecchio West e fateli scontrare con degli invasori alieni. Sembra il sogno di un nerd che scrive fan fiction, e invece è (all’incirca) la trama di Cowboys & Aliens, il nuovo film di Jon Favreau (Iron Man 1 e 2). Ovviamente mancano Indy e 007, “sostituiti” dai loro equivalenti hollywoodiani Harrison Ford e Daniel Craig, che qui interpretano rispettivamente Woodrow Dolarhyde e Jake Lonergan. Il primo è un colonnello che governa con pugno di ferro la piccola città di Absolution, il secondo uno sconosciuto senza memoria che si risveglia proprio alle porte del villaggio. L’unica cosa che frena Dolarhyde dall’eliminare Jake dalla faccia della Terra (i due sono vecchie conoscenze: Jake ha rapinato parecchie banche, tra cui quella di Woodrow…) è lo strano braccialetto che quest’ultimo porta al polso: la sua origine è ignota, meno lo sono i suoi poteri, visto che Lonergan lo userà per abbattere un’astronave aliena atterrata su Absolution.

È l’inizio di una lotta senza quartiere tra strade deserte e saloon, nella quale i riluttanti Jake e Woodrow dovranno allearsi, oltre a farsi aiutare dall’ennesimo personaggio misterioso, la bella Ella (Olivia Wilde). Se il tutto vi sembra quantomeno bizzarro è perché Cowboys & Aliens è un unicum nel panorama sci-fi (l’ultima volta che si erano visti degli alieni nel West era stato nel deludente Aliens vs. Predators). Che però non può non affascinare, e per molti motivi. Innanzitutto per l’innegabile carisma del cast: non solo Ford e Craig, ma anche Olivia Wilde, che dopo Tron: Legacy è diventata la nuova eroina sci-fi, e persino Sam Rockwell, protagonista di quello one-man-show spaziale che era Moon. Poi perché Favreau è uomo di esperienza, che ha dimostrato con i due capitoli di Iron Man di saperci fare con il cinema “estremo” e i cinecomic (anche Cowboys & Aliens è tratto da una graphic novel, vedi sopra). Ma soprattutto perché, ammettiamolo, l’idea di assistere a sparatorie infuocate tra alieni e cowboy sullo sfondo di un tramonto rosso è davvero troppo allettante…

(Id., Usa 2011)

Regia: Jon Favreau
Interpreti: Daniel Craig, Harrison Ford, Olivia Wilde
Trama: Risvegliatosi da un’amnesia nella città di frontiera di Absolution, Jake Lonergan deve allearsi con il riluttante colonnello Dolarhyde per affrontare l’incombente minaccia aliena.
Genere: sci-fi
Durata: 118’

DA VEDERE PERCHÉ: difficile trovare un ibrido più affascinante e potenzialmente esplosivo.

Dal 14 ottobre

Guarda il trailer

Leggi la recensione

La scheda è pubblicata su Best Movie di ottobre a pag. 96

© RIPRODUZIONE RISERVATA