Le principali testate giornalistiche americane hanno espresso, come da tradizione con i Critics’ Choice Awards, il meglio della stagione appena passata.

I vincitori, specie all’indomani dell’annuncio delle nomination agli Oscar, chiudono il cerchio attorno a titoli che ormai echeggiano oltreoceano tra classifiche di merito e candidature, confermando quali sono le tendenze dell’anno: Birdman, The Grand Budapest Hotel, Boyhood.

Il film di Richard Linklater si è aggiudicato il premio come miglior film, portando al successo anche il suo regista e gli attori Ellar Coltrane (categoria giovani) e la vincitrice del globo d’oro Patricia Arquette. Michael Keaton, già vincitore di un Golden Globe ha vinto come miglior attore per Birdman, il film ch aveva ottenuto più nomination dalla critica e che porta a casa anche il premio alla migliore sceneggiatura originale.

Julianne Moore è stata la migliore attrice dell’anno, grazie alla sua performance in un film piccolo ma commovente come Still Alice, dove porta sul grande schermo le sofferenze provocate dall’Alzheimer.

Con l’adattamento del suo best seller Gone Girl, Gillian Flynn ritira il premio alla migliore sceneggiatura non originale, mentre per Whiplash J.K.Simmons è il miglior attore non protagonista sul grande schermo.

Molto diversi dagli Oscar per scelte, modalità di selezione e giudizio e categorie, i Critics’ Choice hanno avuto un ruolo abbastanza cruciale rispetto agli Academy, coincidendo con il miglior film, negli ultimi 15 anni, ben 12 volte.

The Lego Movie, escluso dalle nomination come film d’animazione, viene premiato invece dalla critica, così come Jessica Chastain in A most violent Year, vincitrice di un MVP Award, che ha commosso la platea con un discorso sulla diversità e il rispetto delle minoranze.

BEST PICTURE
Boyhood

BEST ACTOR
Michael Keaton – Birdman

BEST ACTRESS
Julianne Moore – Still Alice


BEST SUPPORTING ACTOR

J.K. Simmons – Whiplash

BEST SUPPORTING ACTRESS
Patricia Arquette – Boyhood

BEST YOUNG ACTOR/ACTRESS
Ellar Coltrane – Boyhood

BEST ACTING ENSEMBLE
Birdman

BEST DIRECTOR
Richard Linklater – Boyhood

BEST ORIGINAL SCREENPLAY
Birdman – Alejandro Inarritu, Nicolas Gabon, Armando Bo, Alexander Dinelaris

BEST ADAPTED SCREENPLAY
Gone Girl – Gillian Flynn

BEST CINEMATOGRAPHY
Birdman – Emmanuel Lubezki

BEST ART DIRECTION
The Grand Budapest Hotel – Adam Stockhausen/Production Designer, Anna Pinnock/Set Decorator

BEST EDITING
Birdman – Douglas Crise, Stephen Mirrione

BEST COSTUME DESIGN
The Grand Budapest Hotel – Milena Canner


BEST HAIR & MAKEUP

Guardians of the Galaxy


BEST VISUAL EFFECTS

Dawn of the Planet of the Apes

BEST ANIMATED FEATURE
The LEGO Movie

BEST ACTION MOVIE
Guardians of the Galaxy

BEST ACTOR IN AN ACTION MOVIE

Bradley Cooper – American Sniper

BEST ACTRESS IN AN ACTION MOVIE

Emily Blunt – Edge of Tomorrow

BEST COMEDY
The Grand Budapest Hotel


BEST ACTOR IN A COMEDY

Michael Keaton – Birdman


BEST ACTRESS IN A COMEDY

Jenny Slate – Obvious Child

BEST SCI-FI/HORROR MOVIE
Interstellar

BEST FOREIGN LANGUAGE FILM
Force Majeure

BEST DOCUMENTARY FEATURE
Life Itself

BEST SONG
“Glory” – Common/John Legend – Selma

BEST SCORE
Antonio Sanchez – Birdman

Fonte: Variety

© RIPRODUZIONE RISERVATA