L’estate è finita, e con essa la maggior parte dei grandi festival cinematografici: il che significa che, con l’arrivo dell’autunno e poi dell’inverno, ci avviamo lungo la strada che ci porterà fino agli Oscar 2014, con il suo portato di polemiche, previsioni, speranze (ce la farà Leonardo DiCaprio a portarsi a casa l’agognata statuetta?) e sogni infranti. Soprattutto sogni infranti: l’Academy è un’istituzione a volte crudele, capace di ignorare un evidente capolavoro in favore di un film dal valore inferiore ma, chissà, dall’appeal commerciale o emotivo più potente. Succede ogni anno: le prime proteste arrivano con l’annuncio delle candidature («Ma come, non avete inserito…?») e si infiammano durante la notte degli Oscar, quando i favoriti vengono sconfitti dagli outsider o quando l’outsider su cui tutti puntavano viene spazzato via dal favorito.

Quale modo migliore, dunque, per prepararci con animo sereno a questo “avvento” lungo quattro mesi, che andare a rivangare tutte le decisioni più assurde mai prese dalla giuria dell’Academy? Abbiamo raccolto i dieci casi più clamorosi di “film capolavoro che meritava una statuetta e non ne ha vinta nessuna”, mettendo anche a confronto, nei casi più clamorosi, il film vincitore con lo sconfitto. Si scoprono parecchie cose interessanti: per esempio che all’Academy non piacciono i film di genere, che David Fincher deve aver litigato con qualcuno di molto in alto e che gli anni Novanta sono stati un cimitero di decisioni tremende…

Qui sotto, la gallery dei capolavori che non hanno vinto l’Oscar, con le nomination ricevute

© RIPRODUZIONE RISERVATA