Carlo Verdone non concorrerà ai David di Donatello 2008. Lo ha dichiarato ieri in seguito al dibattito sollevato sullo spostamento al 7 marzo (invece del 29 febbraio) del termine per l’uscita in sala delle pellicole candidabili ai David, su richiesta del produttore Aurelio De Laurentiis che distribuirà Grande grosso e Verdone il 7 marzo. Il regista e comico ha dichiarato: «Se questa richiesta di deroga sulla data ultima di accettazione per i David di Donatello 2008 deve esser considerata come “un aiuto” a Carlo Verdone, insieme al produttore De Laurentiis chiediamo di ritenere nulla la proposta di deroga. E quindi di partecipare per l’;edizione successiva e non per l’;attuale. I sospetti di favoritismi nei miei confronti mi hanno amareggiato e ritengo veramente umiliante leggere che avrei bisogno di aiuto», ha proseguito Verdone, «Ho vinto 8 David, non ho mai avuto bisogno di spinte da parte di nessuno in tutta la mia carriera. Anche in questo caso l’aiuto l’avrò esclusivamente dal film che ho realizzato del quale sono particolarmente fiero». Verdone ha affermato: «In un momento in cui il cinema italiano è vivo e lancia segnali di straordinaria ripresa ritengo molto dannoso accendere polemiche inesistenti e creare dissapori». Ha inoltre voluto precisare che il suo film dal 20 febbraio uscirà in 12 sale per anteprime a pagamento quindi «la data del 29 febbraio sarebbe stata ugualmente rispettata». E ha aggiunto: «Vorrei ricordare che in passato sono state chieste identiche deroghe proprio da chi oggi contesta la richiesta del mio produttore». I film nominati ai premi David di Donatello saranno annunciati il 20 marzo mentre la premiazione si terrà il 18 aprile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA