In fuga dalla guerra civile in Sri Lanka, un ex guerriero Tamil di 35 anni, una giovane donna e una bambina si fingono una famiglia, per fuggire e cominciare una vita diversa lontana dalla violenza. Accolti come rifugiati in Francia, vanno ad abitare in una banlieu difficile dove, pur conoscendosi appena, cercano di vivere in armonia, ma vengono messi a dura prova dalla guerra tra spacciatori che scoppia nel quartiere.

Chi conosce il cinema di Audiard, da Il profeta a Un sapore di ruggine e ossa, non si stupirà per il tono emotivo delle scene. Audiard è infatti un maestro nello studiare le dinamiche che si creano all’interno di contesti disassati o di relazioni improvvisate, come il microcosmo della prigione in cui era incarcerato Tahar Rahim o la strana coppia Cotillard/Schoenaerts o in questo caso la finta famiglia di Dheepan.

Il film uscirà il 22 ottobre nelle sale italiane e se amate il cinema che regala emozioni e affronta tematiche importanti, ve lo consigliamo caldamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA