Come già vi avevamo anticipato ieri, 1 novembre, anche l’attore Dustin Hoffman è stato investito dal ciclone delle accuse per molestie sessuali che sta letteralmente sconvolgendo tutta Hollywood ormai da diverse settimane. 

E dopo le confessioni di Anna Graham Hunter, che aveva incontrato l’attore nel 1985 sul set di Morte di un commesso viaggiatore, dove avrebbe subito una serie di esplicite avances a sfondo sessuale all’età di soli 17 anni, ora –secondo quanto riportato da Variety – pare ci sia un’altra donna ad aver subito un trattamento simile.

Si tratta della scrittrice producer televisiva Wendy Riss Gatsiounis, che ha confessato alcuni fatti risalenti al 1991, quando lavorava ancora come autrice per il teatro. All’epoca la donna era poco più che ventenne, Hoffman aveva superato i 50. Nel corso di un incontro che aveva come tema l’adattamento della commedia A Darker Purpose (arrivata poi al cinema nel 1996 con il titolo The Winner), Hoffman – accompagnato in quell’occasione anche dallo sceneggiatore Murray Schisgal – si sarebbe rivolto alla donna in questi termini: «Wendy, ha mai avuto un incontro intimo con un uomo di oltre 40 anni?».

«È una cosa che non dimenticherò mai», ha dichiarato la scrittrice: «Fece un passo indietro, aprì le braccia e aggiunse: “Sarebbe un nuovo e intero corpo ad esplorare”». A quel punto Hoffman avrebbe chiesto alla Gatsiounis di andare a fare shopping insieme in un vicino hotel e che Schisgal la esortò ad accettare. La Gatsiounis rispose un secco No e sostiene che, mentre Hoffman si era allontanato,  Schisgal le disse: «Non siamo proprio interessati alla tua sceneggiatura».

Mentre lo staff di Hoffman ha declinato ogni commento sull’argomento, Schisgal ha commentato a Variety: «Io e Hoffaman abbiamo partecipato a numerosi meeting con diversi sceneggiatori per molti anni. Non ho alcun ricordo di questo incontro in particolare e neppure dei fatti che sono stati descritti».

Foto: © Getty

Fonte: Variery

© RIPRODUZIONE RISERVATA