In un’intervista a bloody-disgusting.com Craig Perry, storico produttore della saga di Final Destination, ha annunciato che il quarto episodio verrà girato interamente in 3D, utilizzando la stessa tecnica adottata da James Cameron per il suo attesissimo Avatar. Perry ha detto di voler utilizzare il 3D per aggiungere drammaticità al film, di cui ha rivelato anche l’incidente di partenza con cui la Morte seminerà il panico: durante una corsa automobilistica un oggetto piomberà improvvisamente sulle tribune facendo strage. Questo almeno nelle intenzioni, perché come sempre una visione premonitrice permetterà a qualcuno di scampare alla tragedia. O almeno di rimandare l’appuntamento con la destinazione finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA