Robert De Niro ha girato un video contro Donald Trump, inserendosi nel dibattito sulle presidenziali 2016. De Niro è, infatti, solo l’ultimo dei talenti del cinema a opporsi contro il candidato repubblicano. Qualche settimana fa diverse star di Hollywood si erano schierate al fianco della Clinton, ma soprattutto contro Trump. Con tanto di Mark Ruffalo, l’Hulk degli Avengers, che a detto di Robert Downey Jr. si sarebbe esibito nudo nel suo prossimo film.

Ma De Niro ha pestato molto più duro con le parole contro Trump. E così ha girato una clip, in cui viene ripreso in primo piano e diventata virale nel giro di pochi minuti, già condivisa da altri artisti tra cui J. K. Rowling ed Ellen Pompeo.

Nel video, in bianco e nero, diffuso da Fox News, l’attore non ha peli sulla lingua. «È così terribilmente stupido, è un punk, è un cane, è un maiale», attacca De Niro. «Non fa il suo lavoro, non gliene frega niente, non paga le tasse, è un idiota e Colin Powell ha ragione quando dice che è un disastro nazionale. È motivo di imbarazzo per l’intero Paese e mi fa arrabbiare che questo paese sia arrivato ad esaltare un folle, uno stupido. Dice sempre che vorrebbe prendere a pugni la gente? Bene, a me piacerebbe prendere lui a pugni in faccia. Costui è qualcuno che vogliamo come presidente? Non penso proprio. Ciò che mi interessa è come viene guidato questo paese e con qualcuno alla guida come Donald Trump si va nella direzione sbagliata. Se avete a cuore il vostro futuro, votate per Clinton».

Molti colleghi stanno postando il video di Bob, ma non tutti hanno apprezzato il suo intervento. L’attore Jon Voight, padre di Angelina Jolie, ha detto: «Mi vergogno per il mio collega Bobby De Niro e la sua invettiva contro Donald Trump. Che parole schifose ha usato contro un candidato presidenziale… che ha lavorato molto più duro di chiunque altro nell’ultimo anno e mezzo per cercare di dare un messaggio giusto al popolo americano. Conosco molti uomini che hanno utilizzato termini sessuali simili nei confronti delle donne soprattutto quando erano più giovani. Le parole di Donald Trump non sono così dannose come l’invettiva di Robert De Niro. Le parole di Trump non hanno fatto male a nessuno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA