Il diavolo è nei dettagli, dice un antico adagio. E lo dice anche chi fa cinema: per quanto complesso sia erigere un’architettura narrativa, visiva, sonora coerente e affascinante (= fare un film), ancora più complesso è tenere tutto sotto controllo, evitare errori di distrazione e scongiurare il rischio di lasciarsi sfuggire quel minuscolo particolare in grado di rovinare l’impatto di un’intera scena. In gergo tecnico si chiamano goofs, e sono diversi dai ben più noti bloopers, errori di ripresa o recitazione che vengono esclusi dal montaggio finale, rigirati e, nel migliore dei casi, inseriti in qualche bonus feature della versione Blu-ray, giusto per farsi quattro risate. I goof, invece, sono tali (anche) perché di loro rimarrà per sempre traccia: una distrazione che si è fatta strada fin dentro al montaggio definitivo di un film, già approvato e spedito in sala, non se ne andrà mai più, e resterà negli occhi e nel cuore degli spettatori che hanno intravisto (per fare un esempio) un aereo sorvolare il cielo della Magna Grecia.

La storia del cinema è stracolma di questi errori clamorosi; si potrebbe quasi affermare che non esiste film che non ne contenga. Scegliere i migliori o i più clamorosi non è facile, ma noi ci abbiamo provato: li trovate raccolti (e spiegati) nella gallery sottostante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA