Hollywood si riprende dallo shock: Eva Mendes a gennaio sarebbe finita in rehab per esigenze di copione e non per “problemi personali”, come aveva detto il suo agente. Secondo indiscrezioni, l’attrice voleva soltanto rendersi conto delle conseguenze della dipendenza da stupefacenti, visto che nel suo prossimo film, Queen of the South, interpreterà (a fianco di Josh Hartnett e Ben Kingsley) una signora della droga, costretta a lasciare il Messico per la Spagna dopo l’omicidio del corriere a cui era legata. E sarebbe stata proprio lei a insistere per trascorrere un periodo di osservazione nella stessa clinica dello Utah in cui sono già state ricoverate Lindsay Lohan e Kirsten Dunst. L’ipotesi è sostenuta anche dal grande maestro di recitazione John Kirby, che allo Star Magazine ha detto: «Non è affatto insolito per un attore arrivare al punto di finire in rehab per prepararsi a un ruolo. Io stesso incoraggio i miei studenti a farlo, perché voglio che si immergano completamente nel personaggio».

Da.Mo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA