«Non sono minimamente interessato»: questa la risposta di Gian Luigi Rondi, presidente dell’Ente David di Donatello, alle illazioni pubblicate oggi su alcuni quotidiani  in merito a una sua presidenza della Festa del Cinema di Roma dopo le dimissioni di Goffredo Bettini. Rondi spiega che è proprio il suo impegno nei David a fargli rifiutare un incarico, sia pur prestigioso, alla Festa di Roma: «Non avrei tempo per
occuparmi delle due cose e certo non lascio i David che rappresentano il cinema italiano, mentre al Festa di Roma è un Festival internazionale». Dopo la sua elezione a sindaco di Roma, Gianni Alemanno aveva avanzato l’;ipotesi di un accorpamento tra David e Festa di Roma. A questa ipotesi Rondi aveva replicato proponendo invece un'”alleanza” tra le due manifestazioni.

An.Au.

© RIPRODUZIONE RISERVATA