Scherza Benicio del Toro sulle sue scarse doti canore, mostrate invece nel film EscobarParadise Lost, dove interpreta Pablo Escobar, famoso narcotrafficate colombiano la cui vita è stata spesso romanzata. Lucida e critica invece la versione del regista Andrea Di Stefano che in conferenza stampa ha motivato la sua scelta di trasporre sul grande schermo questa versione inedita al pubblico italiano. Ecco cosa ci hanno raccontato.

Il film si basa su una storia vera, ce ne puoi parlare?

Andrea Di Stefano: Mi sono interessato da quando un mio amico mi aveva parlato di Pablo Escobar. Mi colpì molto come questo criminale non seguisse le regole del crimine, uccidendo i suoi collaboratori. Ho cominciato così a studiare il personaggio leggendo biografie. Sapevo che c’era una storia da raccontare fin da subito, ha quasi un non so che di mitologico in Colombia. Volevo fare un film su un’anima pura che viene a conoscere Pablo, incontro che scatena una discesa agli inferi.

Sapevate chi era prima di girare il film?

Josh Hutcherson: Sapevo che era uno lord della droga, ma pensavo fosse un po’ come un Robin Hood, che ruba ai ricchi per dare ai poveri. Lui effettivamente dava i soldi alla comunità, però quando ho lavorato al film ho capito la sua vera storia. Faceva credere in lui, le persone si fidavano, e poi le tradiva, al posto di aiutarle, quindi ho cambiato idea rispetto alla sua figura. 

Benicio del Toro Io e Andrea abbiamo parlato molto sulla figura di Escobar, è un microcosmo, lui aiutava le persone ma poi cambia. La parte divertente di essere un attore è che impari la storia, studi molto, e conosci tantissimi argomenti interessanti, utili a costruire i personaggi che devi poi interpretare sul grande schermo. 

Sappiamo che i Marvel Studios non stipulano mai contratti per un solo film…

BdTSto cercando di capire se mi chiameranno ancora per interpretare il Collezionista. Mi piacerebbe molto perchè non capisci bene il personaggio fin quando non lo devi lasciare. Quindi vorrei riprendere, dita incrociate!

Quando inciderai il primo disco?

BdT: Prima di tutto quella di farmi cantare era un’idea di Andrea, non riesco a cantare sotto la doccia, figurati se riesco ad incidere un intero album! Ad Escobar piaceva cantare ma a me no, non riesco a cantare ma mi piace la musica!

AdS: Ho proposto a Benicio “Pablo Escobar canta le canzoni italiane, da Dalla a Renato Zero”, ma niente, non è andata. Comunque ogni volta che potevo mettevo qualcosa di italiano.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA