È stato appena annunciato il programma della sessantottesima edizione del Festival di Cannes (dal 13 al 24 maggio 2015). La conferenza stampa, officiata dal presidente Pierre Lescure e dal delegato generale Thierry Fremaux, si è aperta con un cortometraggio (interpretato da Josh Brolin) realizzato dai fratelli Coen, Ethan e Joel, che quest’anno svolgeranno il difficile ruolo di presidenti della giuria ufficiale.

Fremaux ha spiegato che la selezione si è conclusa pochi giorni fa, includendo all’ultimo minuto diversi titoli. Il selezionatore ha voluto sottolineare come il pregiudizio su Cannes che tende a chiamare sempre gli stessi registi è da sfatare. Specie per il cartellone di quest’anno che è stato studiato in modo, non solo da rispecchiare la cinematografia mondiale, ma anche di dare lustro ad autori giovani e meno conosciuti. Molte le conferme rispetto ai rumor che già avevamo condiviso con voi poco tempo fa, ma anche delle gradite sorprese. A partire dalla tripletta italiana che concorrerà per la Palma d’Oro, ovvero Nanni Moretti (Mia madre), Paolo Sorrentino (Youth) e Matteo Garrone (Il racconto dei racconti). Non foltissima, rispetto all’anno scorso, la presenza nordamericana: Denis Villeneuve (Sicario), Gus Van Sant (The Sea of Trees), Todd Haynes (Carol), che torna al cinema dopo parecchi anni da Io non sono qui e dall’intermezzo della miniserie Mildred Pierce.

Robusta, come sempre, la presenza francese: Jacques Audiard (Deephan), Valérie Donzelli (Marguerite et Julien), Stephan Brizé (La loi du Marché) e Manwenn (Mon roi) tengono alta la bandiera d’Oltralpe.

Ecco il cartellone dei film selezionati dal delegato generale Thierry Freamaux.

Tra gli eventi, certezza già annunciata, il 14 maggio verrà proiettato fuori concorso Mad Max: Fury Road. ma ci saranno anche Irrational Man di Woody Allen, Inside Out della Pixar e Il piccolo principe di Mark Osborne.

Ecco la lista completa (aggiornata in tempo reale):

FILM D’APERTURA

La tête haute (Emanuelle Bercot) fuori concorso

IN CONCORSO

Mon Roi (Manwenn)
Saul Fia (Laslo Nemes)
Louder Than Bombs (Joachim Trier)
Mia madre (Nanni Moretti)
Macbeth (Justin Kurzel)
The Lobster (Yorgos Lanthimos)
Youth (Paolo Sorrentino)
Mountains May Depart (Jia Zhangke)
Carol (Todd Haynes)
The Sea of Trees (Gus Van Sant)
Sicario (Denis Villeneuve)
Dheepan (Jacques Audiard)
Il racconto dei racconti (Matteo Garrone)
Marguerite et Julien (Valérie Donzelli)
La loi du Marché (Stephan Brizé)
Our Little Sister (Hirokazu Kore-Eda Hirokazu)
One Floor Below (Radu Muntean)
The Assassin (Hou Hsiao Hsien)

FUORI CONCORSO

Mad Max: Fury Road (George Miller)
Irrational Man (Woody Allen)
Inside Out (Pete Docter)
Il piccolo principe (Mark Osborne)

UN CERTAIN REGARD

Fly Away Solo – Neeraj Ghaywan
Rams – Grímur Hákonarson
Journey to The Shore – Kiyoshi Kurosawa
Je suis un soldat – Laurent Larivière
The High Sun – Dalibor Matanic
The Other Side – Roberto Minervini
One Floor Below – Radu Muntean
The Shameless – Oh Seung-Uk
Las elegidas – David Pablos
Nahid – Ida Panahandeh
The Treasure – Corneliu Porumboiu
The Fourth Direction – Gurvinder Singh
Madonna – Shin Suwon
Maryland – Alice Winocour

PROIEZIONI SPECIALI
Asphalte (Samuel Benchetrit)
Oka (Souleymane Cisse)
Hayored Lema’ala (Elad Keidan)
Panama (Pavle Vuckovic)
Amnesia (Barbet Schroeder)
A Tale of Love and Darkness (Natalie Portman)

PROIEZIONI DI MEZZANOTTE
Office – Hong Won-Chan
Amy – Asif Kapadia

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA