Visita la nostra sezione dedicata al Festival di Roma.

Ci sono due modi per giudicare Ralph Spaccatutto, presentato ieri in anteprima per la stampa al Festival del film Roma. Il primo è considerandolo un cartoon Disney per famiglie, fatto per divertire i bambini e insegnare loro qualcosa: in questo senso, e lo diciamo con il sorriso, il film è perfettamente riuscito. C’è però il secondo livello di lettura, quello dove emergono alcune piccole magagne: Ralph è stato presentato come la pellicola che avrebbe fatto la gioia dei videogiocatori di tutto il mondo, in particolare i nostalgici degli anni Ottanta, delle sale giochi e di classici come Pac-Man e Q*Bert; in breve, i genitori dei bambini di cui sopra, i quali potrebbero rimanere in parte delusi dal risultato finale.

Una cosa alla volta, però, perché Ralph è prima di tutto, come si diceva, un cartoon Disney. Che racconta la storia di Ralph Spaccatutto, “cattivo” nell’immaginario videogioco Fix-It Felix: ogni giorno, ogni volta che la sala giochi apre e un bambino infila un gettone nella fessura del cabinato, Ralph distrugge il condominio di Niceland e sta al giocatore rimetterlo in sesto impersonando Felix, un quasi-Super Mario che con il suo martello magico è in grado di riparare qualsiasi cosa. Siccome essere cattivi è bello fino a un certo punto, arriva il giorno in cui Ralph si stanca di essere insultato e maltrattato dagli abitanti di Niceland e decide di dimostrare loro di essere buono. La soluzione? Conquistare una di quelle medaglie dorate che vengono regalate agli eroi quando portano a termine la loro missione. E siccome di fare il buono a casa Felix non se ne parla, Ralph evade dal cabinato e si trasferisce dentro Hero’s Duty, sparatutto sci-fi il cui scopo è sterminare la popolazione aliena dei Cybugs.

Tanta roba? È solo l’inizio: la trama, stratificata e complessa senza mai diventare confusionaria, prevede anche un subplot dedicato a Felix (che fugge dal suo gioco in cerca del Ralph perduto), uno alla piccola Vanellope (che in originale ha la straordinaria voce di Sarah Silverman) e infiniti altri rivoli che si incontrano armonicamente in un finale delizioso e per una volta non eccessivamente retorico. Ralph è un film sul vero significato della parola “cattivo”, sulla differenza tra essere e apparire,  e ovviamente sull’amicizia e sull’amore, come da tradizione. Non è, e qui arriviamo a quel secondo livello che citavamo in apertura, un film che riflette sui videogiochi, sulla loro funzione e impatto sul pubblico – il mondo esterno è praticamente assente dall’intreccio, e il film si svolge per il 90% all’interno dei videogiochi –, né è una riflessione sul mezzo-videogioco. Certo non mancano gli accenni alla distonia tra vecchio e nuovo («Da quando i videogiochi sono diventati così violenti?» si chiede Felix di fronte alla strage di alieni di Hero’s Duty) né moltissimi deliziose riferimenti pop che vanno da Pac-Man a Pong, da Sonic agli esperimenti con Diet Coke e Mentos; e per una volta non si tratta di citazioni inserite a forza per accontentare gli adulti, ma di momenti ottimamente integrati con la trama. Il problema è che la maggior parte di essi sono concentrati nella prima mezz’ora di film, che promette di diventare una giostra nostalgica a base di gettoni e luci al neon salvo poi rifugiarsi nella più tranquilla struttura della fiaba Disney; per capirci, tre quarti del film si svolgono nell’immaginario videogioco Sugar Rush (liberamente ispirato a Mario Kart), dove tra alberi di zucchero e laghi di cioccolata ci si dimentica presto di avere a che fare con personaggi di un videogioco e ci si limita a godersi un’avventura dal ritmo forsennato.

Non che ci sia niente di male: il pubblico di riferimento resta quello dei più giovani, e i genitori, come dicevamo, saranno comunque felici di vedere alcuni loro vecchi beniamini risplendere di nuova vita sullo schermo del cinema. Oltretutto, Ralph Spaccatutto è un trionfo psichedelico: colori accesi e dissonanti, inquadrature folli, piccole invenzioni visive che punteggiano ogni singola scena (i personaggi dei videogiochi più antichi che si muovono a scatti, le torte in faccia che lasciano macchie pixellose sulla maglietta di Ralph), persino un 3D efficace e luminoso; c’è di che godere anche per i più cinefili, insomma.

Peccato solo per l’occasione mancata di creare il film definitivo sul mondo dei videogiochi, perché altrimenti Ralph Spaccatutto è uno dei migliori cartoon Disney degli ultimi anni. E considerando che di film per bambini si tratta, forse la nostra critica è ingenerosa, perché per il resto c’è poco o niente da dire di male su un film che merita un successo enorme. E che, se dobbiamo fare una previsione, successo enorme farà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA