Si è svolta ieri la conferenza stampa per l’anteprima di 15 minuti del film Twilight , il film di Catherine Hardwicke ispirato al primo libro della saga fantasy di Stephenie Meyer. I due protagonisti Robert Pattinson e Kristen Stewart  e la stessa regista hanno risposto alle domande dei giornalisti presenti in sala svelando come hanno affrontato questa esperienza e come si sono calati nei due romantici personaggi di Bella e Edward, già divenuti beniamini dei teenager di mezzo mondo. Qualche anticipazione anche sui prossimi capitoli. Oggi sarà la volta dell’anteprima per il pubblico già sold out dal primo momento.
Domanda: E’ vero che per il personaggio di Edward aveva in mente un altro attore prima di scegliere Robert Pattinson?
Hardwicke: Assolutamente no. Abbiamo fatto un’;audizione a casa mia con gli attori, e tra Robert e Kristen è nata subito un’;alchimia sconvolgente. Erano incredibili insieme.

Domanda: Quali difficoltà ha incontrato a trasporre il romanzo in film?
Hardwicke: E’; sempre tutto molto difficile quando devi prendere centinaia di pagine e trasformarle in film, che dev’;essere, oltre che cinematografico, anche più denso di azione.

Domanda: Cosa pensate che non sia stato approfondito dei vostri personaggi e che vorreste fosse fatto nei film successivi?
Pattinson: Mi sarebbe piaciuto più dark, ho sempre voluto interpretare un personaggio bello e dannato, magari con tendenze suicide.
Stewart: Non so bene cosa rispondere perché non ho letto i romanzi successivi, non volevo farmi  influenzare.

Domanda: Avete usato molti effetti speciali, come avete fatto con un budget così ridotto?
Hardwicke: Avevamo un meraviglioso regista cinese per la seconda unità che è anche un ex stuntman, e abbiamo fatto un ottimo lavoro con le imbragature.

Domanda: Per girare questo film si è ispirata a qualche film di vampiri?
Hardwicke: Ne ho visti molti nella mia vita, ma non era mia intenzione rendere omaggio a qualcuno in particolare. Questo film è molto singolare, ha un approccio diverso e ho cercato di trovare un linguaggio ad hoc per mostrare l’;universo di Edward e Bella.

Domanda: Qual è stata la difficoltà maggiore che avete incontrato nell’;interpretare i vostri personaggi?
Stewart:  Sicuramente quello di trovare una sintonia tra me e Robert. Non è stato facile perché non abbiamo potuto riferirci a niente di reale, a nessuna esperienza personale.
Pattinson: Per me quella di dover recitare un ruolo in cui l’;età esteriore non coincideva con l’;età interiore.

Domanda: Twilight è un fenomeno molto femminile, come avete pensato di raggiungere un pubblico più vasto?
Hardwicke: Il fenomeno è partito sì dalle ragazzine, ma è presto divampato anche ad altre generazioni, fino ad arrivare alle settantenni.

Domanda: Ha letto Midnight Sun, il libro che Stephenie Meyer sta scrivendo dal punto di vista di Edward, per prepararsi al ruolo?
Pattinson: Sì, l’;ho letto. E ho cercato di unire in lui quello che emerge da entrambi i libri. Comunque leggerlo non ha condizionato più di tanto la mia interpretazione, anche perché molte idee che mi ero
fatto su di lui prima di leggere Midnight Sun si sono rivelate corrette.

Domanda: Twilight è una sorta di Romeo e Giulietta moderno…
Hardwicke: Sì, entrambi hanno per protagonisti due giovani, e in entrambi si possono immedesimare persone di tutte le età. La differenza è che nel dramma di Shakespeare il pericolo veniva dall’;esterno, mentre qui arriva dall’;interno, dalle pulsioni assassine dei vampiri. Dal fatto che un amante potrebbe uccidere l’;altro.

Domanda: E’; vero che condenserete i capitoli due e tre della saga in un unico film?
Hardwicke: Intanto non sappiamo ancora se li gireremo, dipenderà da come verrà accolto questo film. In ogni caso li gireremo tutti separatamente. Non uniremo il secondo libro al terzo per creare un’;unica storia. Perché dovremmo?

Ka.Eb

Leggi la descrizione delle scene e del backstage proiettati in anteprima al Festival di Roma

© RIPRODUZIONE RISERVATA