Non è l’ultimo ruolo di James Gandolfini – quello sarà in Animal Rescue, nel 2014 – ma è l’ultima commedia, e l’ultima volta che lo vedremo protagonista indiscusso, a volte dimesso e a volte impercettibilmente minaccioso, come è sempre stato. Il film si chiama Enough Said ed è stato presentato in prima mondiale in questi giorni al Festival di Toronto. Accanto a Gandolfini ci sono due giovani veterane come Toni Collette e Catherine Keener, ma la coprotagonista è Julia-Louis Dreyfus (Seinfeld, e più recentemente Veep), che in America è una star della serialità televisiva e – questo film lo conferma – se lo merita: è una caratterista spettacolare.

I due interpretano due divorziati di mezza età, con figlie teenager, che si incontrano alla ricerca di una nuova occasione sentimentale. Un segreto ingombrante rischia però di mettere fine sul nascere alla relazione: lei (Dreyfus) ha scoperto che la sua nuova amica (Keener), una poetessa, è proprio l’ex-moglie dell’uomo (Gandolfini), ma tace la cosa a entrambi per raccogliere dettagli in anteprima sui difetti del suo fidanzato. «Sta diventando una specie di Trip Advisor per i miei appuntamenti» dice a un’amica. La domanda che il film pone, naturalmente, è: meglio sapere in anticipo i punti deboli della persona che frequenti o scoprirli da te?

Film elementare, quasi da pomeriggio televisivo, nella grammatica e nell’illuminazione, ma con un’ottima idea di partenza e una coppia di protagonisti che funziona a meraviglia. Gandolfini era davvero un gigante e vederlo in una performance in cui può sfoggiare a pieno la propria umanità non lascia indifferenti.

Grande commozione e lunghi applausi alla fine della proiezione di Gala.

Segui in diretta il Festival di Toronto su BestMovie.it, visitando la nostra sezione dedicata

© RIPRODUZIONE RISERVATA