Sono 22 i film in concorso al festival di Venezia. Oltre ai tre titoli italiani (Nessuna qualità agli eroi di Paolo Franchi, L’ora di punta di Vincenzo Marra e Il dolce e l’amaro di Andrea Porporati) ci sono anche Espiazione (Gran Bretagna, Usa-Universal) di Joe Wright, The Darjeeling Limited di Wes Anderson (Usa – Fox), Sleuth di Kenneth Branagh (Gran Bretagna, Usa – Sony), Heya fawda (Le Chaos) di Youssef Chahine (Egitto), Redacted di Brian De Palma (Usa), The Assassination of Jesse James by the Coward Robert Ford di Andrew Dominik (Usa, Warner), Michael Clayton di Tony Gilroy (Usa – Medusa), Nightwatching di Peter Greenaway (Canada, Francia, Germania, Polonia, Paesi Bassi, Gran Bretagna), En la ciudad de Sylvia di Jose Luis Guerin (Spagna), In the Valley of Elah di Paul Haggis (Usa, Marocco – Mikado), Io non sono qui di Todd Haynes (Usa – Bim), Taiyang zhaochang shenqi (The Sun Also Rises) di Jiang Wen (Cina, Hong Kong), Bangbang wo aishen (Help Me Eros) di Lee Kang Sheng (Taiwan), La Graine et le mullet di Abdellatif Kechiche (Francia), Se, jie (Lust, Caution) di Ang Lee (Cina, Usa), In questo mondo libero di Ken Loach (Gran Bretagna, Italia, Germania, Spagna – Bim), Sukiyaki Western Django (Giappone) di Takashi Miike, Nikita Mikhalkov 12 (Fed.Russa), Les Amours d’Astrée et Céladon (Francia, Italia, Spagna – Bim) di Eric Rohmer.

© RIPRODUZIONE RISERVATA