In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera di sabato, il neopresidente della Biennale di Venezia, Giulio Malgara, dichiara che continuerà a lavorare nella linea del suo predecessore Paolo Baratta e, di fatto, conferma Marco Müller alla guida del festival di Venezia per i prossimi quattro anni: «Il mio pensiero più profondo è proseguire nel solco di Baratta, continuare il suo lavoro. Non sono mica un matto che cambia ciò che funziona bene solo per cambiare. Spero che Baratta vorrà aiutarmi e consigliarmi». A proposito del cinema, aggiunge: «Credo che Marco Müller continuerà a far parte della nostra squadra e proseguirà nel lavoro svolto, considerato molto buono e riconosciuto da tutti. È un esperto del settore assai serio e circondato da profonda stima». Intanto l’associazione 100autori ha espresso profonde critiche nei confronti della nomina di Giulio Malgara alla presidenza della Biennale di Venezia, in quanto “il suo curriculum non rispetterebbe quei criteri che da sempre i 100autori auspicano siano utilizzati per tutte le nomine ai vertici di settori decisivi dell’audiovisivo e della cultura, e cioè trasparenza, competenza e assenza di conflitto di interessi”. (Foto Kikapress)

© RIPRODUZIONE RISERVATA