Si è concluso anche quest’anno il Fiuggi Family Festival, giunto oramai alla sua settima edizioni. Vincitore di quest’anno è il film dello svedese Khell-Ake Andersson, Nobody Owns Me, che racconta la storia tra la piccola Lisa e suo padre, sopraffatto dalle avversità. La motivazione della Giuria, presieduta dal regista Gennaro Nunziante, è stata: «Il film di Andersson racconta con verità e grande sensibilità artistica un rapporto di paternità che resiste alle durezze della vita e agli errori personali».

Concorde anche la Giuria della Stampa accreditata, che ha poi assegnato una menzione speciale al film Locke, di Steven Knight. Sempre Locke si è aggiudicato il premio della giuria giovani composta da ragazzi tra i 16 e i 29 anni. «Grazie alla perfetta costruzione della sceneggiatura, il film presenta una situazione umana che riusciamo a sentire nostra, e allo stesso tempo i dialoghi ci accompagnano nella scoperta di un personaggio che spiazza nella sua atipicità. Incisiva l’interpretazione dell’attore Tom Hardy».

La commedia indiana Barfi, diretta da Anarug Basu, è stata premiata dalla giuria dei ragazzi tra i 14 e 17 anni. Alla fine di quest’edizione, il direttore Angelo Astrei ha dato le prime anticipazioni per l’anno prossimo: il festival cambierà nome Fiuggi Film Festival. e avrà un nuovo logo, disegnato dal professor Mauro Palatucci.

Leggi anche: Su Best Movie+ lo speciale d’animazione di Movie for Kids in occasione del Fiuggi Family Festival

Fonte: e-duesse

© RIPRODUZIONE RISERVATA