I cosiddetti movie-game sono in piena fase di rilancio in quel di Hollywood, che dopo Warcraft e l’attesissimo Assassin’s Creed con Michael Fassbender adesso punto su un altro adattamento di una delle più famose e amate saghe videoludiche di sempre, Gears of War, uscito per la prima volta nel 2007 e seguito da 3 capitoli successivi e uno spi-off. In realtà il progetto era nel limbo delle produzioni già da anni, ma in questi ultimi giorni la Universal ha deciso di ripescarlo e lavorare finalmente al film.

Durante il live streaming per il lancio di Gears of War 4, infatti, Microsoft ha annunciato che i produttori Dylan Clark (L’alba del pianeta delle scimmie) e Scott Stuber porteranno sul grande schermo la saga, che per chi non ne fosse a conoscenza racconta la guerra dei soldati della Squadra Delta per salvare il pianeta Sera da una minaccia sotterranea conosciuta come l’Orda delle Locuste. Al momento non è chiaro se il film sarà un diretto adattamento del primo capitolo della serie o una nuova storia canonica ambientata nell’universo di Gears of War. Il capo programmatore e game developer di Epic Games, Rod Fergusson, ha comunque dichiarato ai microfoni di Variety che pensare al film è stato il successivo passo logico nel sostenere il franchise. Ha anche espresso il suo impegno nell’adattare al meglio l’IP al cinema piuttosto che farlo solo per i fan.

«Credo che sia necessario lasciare che i film restino film», ha detto Fergusson: «Sono due mezzi diversi e in alcuni casi con diversi tipi di pubblico, e penso che in passato diversi film tratti dai videogiochi abbiano fallito perché hanno cercato di sviluppare un film per i videogiocatori. Se si possiede questa grande IP, con un background ricco e profondo e un sacco di lore, allora si possono creare storie grandiose e interessanti, ma se si punta solo ai videogiocatori allora il film non raggiungerà il successo sperato».

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA