Ennesima trasposizione cinematografica di un serial tv in quel di Hollywood. Questa volta toccherà a Il cavaliere solitario, serie – ispirata a sua volta a un programma radiofonico andato in onda nel 1933 – trasmessa negli Usa dal 1949 al 1957. Protagonista era John Reid (interpretato da Clayton Moore e per una stagione, ’52-’53, da John Hart), un Texas Ranger che, sopravvissuto a un agguato grazie all’aiuto dell’amico indiano Tonto (Jay Silverheels), decide di dedicare al sua vita alla lotta contro il crimine. L’adattamento della serie per il grande schermo è stato annunciato dalla Disney pochi giorni fa. Con non poche sorprese. A dare un volto a Tonto ci sarebbe infatti niente meno che Johnny Depp (nella foto agli MTV Movie Awards di quest’anno), mentre per il protagonista si era fatto dapprima il nome di Nicolas Cage; ora invece il più papabile sembra essere George Clooney (nella foto in Burn After Reading – A prova di spia dei fratelli Coen), che sta definendo meglio in questi giorni i dettagli dell’accordo con lo studio.
L’ennesimo impegno per l’indaffaratissimo Clooney, che, concluso da poco il doppiaggio del film d’animazione The Fantastic Mr. Fox di Wes Anderson, sta per intraprendere le riprese dell’adattamento di Capre di guerra. Nel film tratto dal romanzo di Jon Ronson, reciterà con Jeff Bridges, Kevin Spacey ed Ewan McGregor. L’attore è inoltre atteso per un cameo in una puntata della quattordicesima e conclusiva serie di E.R., il serial mediaco che lo lanciò a livello planetario.
Depp ha invece confermato che vestirà per la quarta volta le treccine e i denti d’oro del Capitano Jack Sparrow nella quarta avventura de I pirati dei Caraibi e che sarà il Cappellaio Matto per la versione di Tim Burton di Alice nel Paese delle Meraviglie.

Ev. An.

© RIPRODUZIONE RISERVATA