Ormai la paura è passata e Gerard Butler può guardare all’incidente sul set di P.S. I Love You con un sorriso, come anche Hilary Swank, nonostante una ferita alla testa che ha richiesto quattro punti di sutura. L’antefatto: Butler stava improvvisando una simpatica scena sexy in cui spogliandosi a ritmo di musica doveva far finta di colpirsi un occhio con una bretella. Il fattaccio: la bretella impazzita anziché quella di Butler ha centrato, con un impatto dolorosamente reale, la testa della Swank procurandole una ferita da medicare in ospedale. Le riprese sono state sospese per qualche giorno per permettere all’attrice di ristabilirsi. «è stata una giornata orribile», ricorda Butler. «Adesso riesco a parlarne con un sorriso, perché anche Hilary lo fa e si diverte a raccontare quel che è successo, ma mi è dispiaciuto». Nel film diretto da Richard LaGravenese, Butler è un marito con un male incurabile che prima di morire decide di lasciare alla moglie una serie di messaggi per aiutarla a superare il dolore e a riscoprire se stessa quando lui non ci sarà più. Il primo le arriverò proprio il giorno del suo trentesimo compleanno: una splendida torta e un nastro registrato. Gli altri le giungeranno nei modi più impensati. L’appuntamento nelle sale è il prossimo marzo. E non scordate i fazzoletti… Passato lo spavento sul set di P.S. I Love You, l’attore ricorda con un sorriso lo spogliarello che è costato a Hilary Swank quattro punti di sutura

© RIPRODUZIONE RISERVATA