Con un incasso mondiale di 229 milioni di dollari a fronte di un budget di 150, il reboot al femminile di Ghostbusters si è rivelato alquanto deludente in termini di rientro finanziario, anche se le critiche al film di Paul Feig erano state davvero varie, anche entusiastiche o profondamente negative. La Sony non ha ancora dato il via libera a un sequel, ma se ciò accadesse il regista si dice ancora disposto a dirigere volentieri Melissa McCarthy, Kristen WiigKate McKinnon e Leslie Jones.

La decisione spetta comunque allo studio, come dichiarato da Feig: «Nessuno mi ha ancora chiamato. Ma io amo questi personaggi, che adesso sono visti come eroici e che hanno un grande significato per molte persone. Quindi, in poche parole, sarebbe fantastico rivederle mentre catturano più fantasmi e calciano più sederi di nuovo in modo fantastico».

Infine, sempre secondo le parole del regista, il film ha avuto risonanza con il pubblico grazie all’edizione home-video: «Adesso che abbiamo superato tutte le critiche e siamo usciti in homevideo e digitale, sono stato contattato da moltissime donne via social media che volevano ringraziarmi per il film, e anche da ragazze che mi mandavano foto con i loro costumi da Ghostbusters».

Fonte: EW

© RIPRODUZIONE RISERVATA