Senza i consueti fasti né passerelle (causa lo sciopero degli autori che si protrae da novembre) sono stati annunciati ieri a Los Angeles i Golden Globes 2008. Durante una veloce conferenza stampa i giornalisti della Foreign Press Association (stampa straniera) hanno proclamato i vincitori dei premi destinati ai protagonisti della passata stagione cinematografica hollywoodiana. Premiato come miglior film drammatico il mèlo firmato dal giovane regista inglese Joe Wright Espiazione (con protagonisti Keira Knightley e James McAvoy) che era in corsa con American Gangster di Ridley Scott, Il Petroliere di Paul Thomas Anderson, Non è un paese per vecchi dei fratelli Coen, La promessa dell’;assassino di David Cronenberg, The Great Debaters di Denzel Washington e Michael Clayton di Tony Gilroy. Al musical di Tim Burton Sweeney Todd – Il diabolico barbiere di Fleet Street è andato invece il riconoscimento per la categoria miglior commedia/musical, mentre al franco-americano Lo scafandro e la farfalla di Julian Schnabel quello come miglior film straniero. Si è aggiudicato il premio per il miglior film d’;animazione Ratatouille , successo planetario ai botteghini (618 milioni 664 mila dollari di incasso totale) della Disney-Pixar. A meritare gli ambiti Globi d’oro sono stati nella categoria “Miglior attore e Miglior attrice di musical o commedia” Johnny Depp (per la sua performance canora in Sweeney Todd) e Marion Cotillard (per la sua Edith Piaf ne La vie en rose ). Daniel Day Lewis e Julie Christie hanno invece sbaragliato gli avversari (tra i quali figuravano George Clooney, Viggo Mortensen, Cate Blanchett e Jodie Foster) per le loro performance drammatiche ne Il petroliere e Away from he – Lontano da leir (applaudito esordio alla regia di Sarah Polley). Si è consolata con il premio come migliore attrice non protagonista Cate Blanchett, cui ha portato fortuna calarsi nei panni maschili della leggenda musicale Bob Dylan in Io non sono qui . Sull’analogo fronte maschile il premio è invece andato a Javier Bardem per Non è un paese per vecchi , pellicola che ha vinto anche il Globo d’;oro per la migliore sceneggiatura non originale. Spicca anche un nome italiano tra i premiati: è quello di Dario Marianelli, autore della colonna sonora di Espiazione . Mentre l’annunciato premio alla carriera per Steven Spielberg è stato rimandato all’anno prossimo per poterlo consegnare al regista con tutti gli onori. Sempre ammesso che per quella data la protesta degli autori si sia placata…

© RIPRODUZIONE RISERVATA