Harry, Goodbye. Adieu. Auf Wiedersehen. Adiòs. Sayonara. Il lungo addio spezzato in due è giunto al traguardo e non è più possibile tergiversare, diluire il commiato. «Tutto finisce» (il 15 luglio nel resto del mondo, per noi italiani mercoledì 13) recitano i character poster diffusi ovunque in Rete. Non credevamo potesse arrivare il giorno fatidico, abituati a collezionare uno o due HP ogni anno, quasi fosse una ricorrenza festiva. Ma è giunto il momento di separarsi per sempre da Harry, Hermione, Ron e da tutti gli altri incredibili personaggi che hanno animato la saga magica che ha inchiodato per dieci anni gli spettatori del mondo alla sedia. «E se proprio deve essere per sempre, che sia col botto. Questo è il Gran Finale» fu la prima cosa che David Yates ci disse sul set dei due ultimi episodi girati in contemporanea. E il regista non ha risparmiato se stesso e i ragazzi per regalare ai fan molto più di quello che si aspettano. Il film durerà in tutto due ore esatte, divenendo il più breve finora degli Harry Potter su grande schermo, e di queste la seconda sarà tutta dedicata all’epica battaglia finale a Hogwarts, intervallata dalla ricerca degli horcrux da parte di Harry in una disperata corsa contro il tempo. «È un action-movie implacabile. Non si ferma mai» ci ha tenuto a sottolineare Daniel Radcliffe, sostenuto dal collega Rupert Grint, l’arciamico Ron: «Non avevamo mai corso così tanto. Eravamo abituati a stare spesso seduti e, invece, in questi ultimi episodi e specialmente nella battaglia finale, dovevamo correre in continuazione. Sentivamo tutti addosso una pressione maggiore rispetto ai precedenti capitoli, David voleva un finale esplosivo». Il che – ha continuato a spiegarci il rosso della saga – non avrebbe solo un significato metaforico: «Era così strano vedere quegli studios in cui sono cresciuto sgretolarsi sotto i miei occhi. Li hanno letteralmente fatti a pezzi: la Sala Grande dove ho passato tutta l’infanzia e l’adolescenza è diventata una pila di detriti. E poi tutti quei bambini morti sdraiati a terra. È davvero il film più dark e avvincente di tutta la saga».

Per leggere il resto dell’articolo corri a comprare la rivista. Best Movie di luglio è già in edicola.

Qui sotto alcune foto del film Harry Potter e i doni della morte – Parte 2


© RIPRODUZIONE RISERVATA