La morte più scioccante che la memoria recente di Hollywood ricordi è ancora un mistero. L’autopsia effettuata ieri sul corpo di Heath Ledger, trovato senza vita a 28 anni in un appartamento di New York, non ha infatti chiarito le cause del decesso. Una morte imputabile secondo alcuni a un’overdose da sonniferi (la famiglia continua a ripetere che è stato un «tragico incidente»), quando invece per altri si sarebbe trattato di suicidio, dovuto alla depressione che avrebbe colpito l’attore dopo la separazione dello scorso anno dalla compagna Michelle Williams. Il medico legale ha annunciato che ci vorranno almeno due settimane prima di comunicare l’esito definitivo dei test. Nel frattempo, sono state sospese le riprese del nuovo film di Terry Gilliam, The Imaginarium of Doctor Parnassus, a cui Ledger – già diretto dal regista inglese ne I fratelli Grimm e l’incantevole strega – stava prendendo parte (tra le ultime foto scattate sul set, quelle con l’attore vestito da triste Pierrot). E al momento non si sa nemmeno se la lavorazione del film potrà continuare, anche perché era stata proprio la presenza di Ledger a convincere i produttori ad alzare il budget fino a 30 milioni di dollari. Dopo il fallito progetto di Don Chisciotte con Johnny Depp (raccontato nel documentario Lost in La Mancha), per Gilliam potrebbe trattarsi di un altro “film maledetto”…

© RIPRODUZIONE RISERVATA