Lo sciopero degli sceneggiatori americani dei mesi scorsi è costato alla California una recessione di 2,1 miliardi dollari e ha provocato la perdita di 37.700 posti di lavoro. Lo afferma lo studio pubblicato dal Milken Institute “The Writers’ Strike of 2007-2008: The Economic Impact of Digital Distribution” (a fianco la copertina della pubblicazione) che ha analizzato l’impatto dell’agitazione sull’economia della California. Lo sciopero, iniziato a novembre 2007, si è concluso a metà febbraio 2008.

Me.Va.

© RIPRODUZIONE RISERVATA