Averlo visto nella scena che ha chiuso i titoli di coda di Guardiani della Galassia era già un indizio: Howard il Papero sta per tornare. E infatti la Marvel ha annunciato un nuovo fumetto che lo renderà protagonista dalla prossima primavera. Creato da Steve Gerber e Val Mayerick, Howard il Papero, uno dei personaggi più strani e sovversivi dell’universo dei fumetti, rivivrà adesso grazie alla penna di Chip Zdarsky e Joe Quinones, che gli hanno dato un look rinnovato per vestire, nell’episodio annunciato, i panni di un investigatore privato che si aggira per l’Universo Marvel.

Il personaggio che abbiamo adocchiato nel film di James Gunn sarà un buon punto di partenza per descrivere quello che i due autori hanno fatto per presentarlo ad un pubblico che forse non lo conosce nella sua versione originaria: «Sarà un uomo qualunque» spiega Zdarsky «che si ritrova papero! Si arrabbierà per questo e spesso sarà esasperato e furibondo con il mondo che lo circonda, ma è intrappolato in questo universo. Sarà infinitamente narrabile. Amo il contrasto che si instaura tra Howard e il nostro mondo di normalissimi primati senza pelo e tra Howard e gli stranissimi mondi di Dr. Strange o di Spider-Man. Lui non si amalgama in nessuno di questi e continuerò ad esplorare questi contrasti per rendere tutto molto divertente. La Marvel ha avuto modo di produrre libri divertenti e di spruzzare un po’ di umorismo anche tra i supereroi, per questo voglio fare in modo che questo fumetto possa valere qualche risata qua e là.»

Come si può vedere da un’immagine concessa dal disegnatore, Howard assomiglierà il meno possibile ad papero à la Disney, con un’identità tutta sua: «Howard dovrà stare nella stessa vignetta di Rocket Raccoon o di Spider-Man senza sembrare anomalo come Roger Rabbit. Non sarà preso dall’universo dei cartoni, sarà un papero parlante vestito di tutto punto con un bel completo, e già l’abbigliamento rinnovato costituisce una buona parte delle novità», spiega Quinones.

Quello che ci auguriamo, in attesa di sfogliare anche noi il fumetto, è che questo ritorno metta definitivamente una pietra sopra il non altrettanto riuscito -per non dire terribile- film degli anni ’80.

Fonte: EW

© RIPRODUZIONE RISERVATA