Aramis che sembra Batman. Athos che maneggia un lanciafiamme a forma di testa di drago. Milady che danza in stile Matrix per evitare palle di cannone ricoperte di spine. Il XVII secolo dev’essere stato un periodo eccitante, stando a Paul W.S. Anderson. Per il suo primo film in costume il regista inglese, artefice della saga di Resident Evil, ha deciso di alzare il volume al massimo. La storia è sempre quella: D’Artagnan (il Logan Lerman di Percy Jackson e gli dei dell’Olimpo), cadetto di Guascogna, si reca a Parigi per unirsi al corpo dei moschettieri. Lì conosce i “tre” del titolo, cioè Athos (Matthew Macfadyen, Orgoglio e pregiudizio), Porthos (Ray Stevenson, Thor) e Aramis (Luke Evans, Immortals), la cui carriera è in fase calante. Per risollevarsi dalla polvere, i quattro dovranno scontrarsi con un trio di villain d’eccezione come il cardinale Richelieu (un diabolico Christoph Waltz, che qui mira alla conquista del trono), il duca di Buckingham (Orlando Bloom) e l’ex alleata Milady (Milla Jovovich, per la prima volta in costume dai tempi di Giovanna d’Arco). Le somiglianze con il romanzo di Dumas, comunque, finiscono qui: perché Paul Anderson ha deciso di dare una passata di tecnologia steampunk al suo XVII secolo, infarcendo Parigi di dirigibili e un’abbondante dose di arti marziali. Una mossa rischiosa, che ricorda quanto fatto da Gore Verbinski per i Pirati dei Caraibi, un’ispirazione che Anderson non nasconde: «Se si possono modernizzare le storie di pirati non vedo perché non si possa fare lo stesso con i moschettieri». I puristi si offenderanno; per gli altri, invece, è in arrivo una delle esperienze più divertenti dell’anno.

Regia: Paul W.S. Anderson
Interpreti: Logan Lerman, Matthew Macfadyen
Trama: Athos, Porthos e Aramis, moschettieri decaduti, accolgono D’Artagnan nel gruppo e si oppongono ai piani di conquista di Richelieu.
Genere: avventura
Durata: 110’

Da vedere perché: per scoprire i moschettieri come non ce li saremmo mai immaginati.

Nelle sale dal 14 ottobre 2011

Guarda il trailer

Leggi la recensione

La scheda è pubblicata su Best Movie di ottobre a pag.98

© RIPRODUZIONE RISERVATA