Inaugurata il 10 luglio con l’anteprima di Harry Potter e l’ordine della Fenice, e iniziata il 12 luglio, la 37ª edizione del Giffoni Film Festival si è conclusa ieri con l’annuncio dei vincitori delle 5 sezioni competitive. La sezione Kidz ha premiato il tailandese Mid Road Gang di Pantham Thongsang (nella foto) e Somkiat Vithuranich; il vincitore di First Screens è risultato lo svedese Kidz in a Hood di Ylva Gustavsson e Catti Edfeldt; Free To Fly è stata vinta dal francese Michou d’auber di Thomas Gilou; mentre il premio della sezione Y Gen è andato allo statunitense Keith di Todd Kessler; la sezione di cortometraggi Sguardi Inquieti, infine, è stata vinta da Little Martin di Violaine Bellet. Come ogni anno il festival ha reso protagonisti bambini e ragazzi da tutto il mondo, non solo in veste di spettatori ma anche di membri delle 5 giurie. A incontrare i giovani di Giffoni sono stati invitati ospiti illustri come il regista Roman Polanski e l’attore Danny De Vito. Durante il festival diretto da Claudio Gubitosi è stato annunciato che la Regione Campania investirà trenta milioni di euro per la realizzazione della Multimedia Valley, progetto che comprende una struttura museale, una cineteca regionale, un complesso destinato a uffici e centro direzionale, una sala cinematografica per 500 posti e un’area per l’organizzazione di eventi all’aperto. Tra le novità annunciate a Giffoni c’è la collaborazione tra il festival italiano e il Dubai International Film Festival. Abdulhamid Juma, presidente del festival che si tiene negli Emirati Arabi Uniti ha dichiarato di ispirarsi profondamente al Giffoni Film Festival.

© RIPRODUZIONE RISERVATA