Il ruolo delle produzioni cinematografiche americane nel nostro Paese e le origini della Hollywood sul Tevere sono raccontati nel nuovo libro di Federico Di Chio, intitolato Il cinema americano in Italia. Industria, società, immaginari. Dalle origini alla Seconda Guerra Mondiale.

Edito da Vita e Pensiero, il testo è stato pubblicato a luglio 2021 e scava a fondo nella nostra Storia per evidenziare come i film statunitensi abbiano esercitato sul nostro territorio, nel corso di vari periodi, un’influenza che si è fatta strada ponendo le proprie radici su diversi aspetti della società. Il tutto attraverso l’analisi di dati inediti e documenti riservati, conservati presso archivi governativi e privati, sia italiani che americani.

Federico di Chio (ex amministratore delegato di Medusa Film e direttore dei palinsesti delle reti Mediaset che oggi dirige il Marketing strategico del gruppo televisivo) nel suo percorso affronta tre diversi ambiti di analisi indipendenti, ma che si intrecciano tra loro.

Il primo riguarda la vicenda industriale e politica di Hollywood nel nostro Paese. Quanti film sono stati importati e quali? Come si sono mossi gli Studios nei riguardi delle varie autorità del regime e del Duce stesso?

L’ambito industriale e politico è strettamente connesso al secondo aspetto, quello sociale e culturale. Che impatto ha avuto la cinematografia americana sui quadri valoriali, sul costume e sull’immaginario degli italiani?

Infine, l’ultimo ambito approfondito da Federico di Chio riguarda le produzioni stesse, il mezzo al centro di ogni riflessione e analisi: i film. Quali opere americane hanno avuto un particolare successo e perché? E quale influenza hanno avuto sul cinema di casa nostra e i suoi autori?

Disponibile a QUESTO LINK, sulla pagina ufficiale di Vita e Pensiero.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA