Nel corso del gala per i Directors Guild of America Honors, l’attrice Bryce Dallas Howard (Jurassic World) è salita sul palco per introdurre il padre Ron Howard (A Beautiful Mind), facendo commuovere tutti con un discorso sentito e toccante che vi riportiamo interamente tradotto di seguito:

«Mio padre è la persona più sensibile, paziente e inclusiva sulla faccia della terra. Non ho abbastanza munizioni per raccontarvi tutto. Niente. Mi ha incluso in ogni cosa. Ogni giorno della mia infanzia è stato come il “Giorno del porta tua figlia al lavoro”. Fin da quando avevo 7 anni, ho sempre svolto diversi lavoretti sul set dei film di mio padre. Piccole cose che mi hanno fatto sentire parte integrante del processo di produzione cinematografica senza ovviamente troppe responsabilità, tenendo conto del fatto che fossi minorenne. Ma il vero divertimento era poter arrivare e andarmene dal set in macchina con mio padre, con lui che condivideva con me le sfide e le vittorie della giornata. Pensava a voce alta mentre scriveva sul retro di un dollaro la lista delle riprese. E meglio di tutto,  ho avuto modo di sedermi accanto a lui e vedere il girato giornaliero. Ogni singolo giorno. Mio padre era il mio eroe, e lo è ancora».

L’attrice ha poi ricordato la sua esperienza sul set di Apollo 13, parlando anche del suo primo walkie-talkie ottenuto a 13 anni mentre lavorava al film  e delle file davanti al cinema per vederlo: «Non c’è niente come il brivido di vedere il pubblico in sala amare un film nel quale tuo padre ha riversato cuore e anima». Ha poi continuato: «Il film è stato nominato a nove premi Oscar, tra cui Miglior Film. Ma non mio padre come Miglior Regista. Io ero preda della maree emotive di una quattordicenne. Voglio dire, fa***lo! Mio padre ha preso la cosa da vero campione. Dopotutto, da regista è sempre stato visto come un perdente».

Il giorno dopo la delusione, la Howard ricorda di essere andata a scuola a testa bassa, riprendendosi non appena suo padre venne nominato ai DGA e la cerimonia di premiazione venne fissata il giorno del suo quindicesimo compleanno: «Il 2 marzo 1996, è stata veramente la notte più spaccona della mia vita. Voglio ringraziare sinceramente i DGA non solo per riconoscere il nome di mio padre, ma per avermi regalato la festa per i 15 anni migliore che una ragazza possa desiderare».

Il nuovo film di Ron Howard, Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick, arriverà nelle nostre sale il 7 dicembre.

Fonte: EW

© RIPRODUZIONE RISERVATA