Oggi a Palazzo Reale, a Milano, si è aperta la mostra Salvador Dalì. Il sogno si avvicina (chiuderà il 30 gennaio), prodotta dal Comune di Milano e 24 ORE Cultura. Un’esposizione che presenta oltre cinquanta opere dell’artista catalano scomparso nel 1989, che indagano il rapporto tra paesaggio, sogno e desiderio.

Per l’occasione, il numero in uscita oggi del settimanale Topolino, Topolino e il surreale viaggio nel Destino, celebra la collaborazione tra Dalì e Walt Disney, che nel 1946 si incontrarorno negli studios di Hollywood della Dinsey per sviluppare un cortometraggio d’animazione, ispirato all’arte surrealista del pittore e alla fantasia creativa del cartoonist… Il corto, intitolato Destino, rimase però incompiuto fino al 2003, quando il nipote di Walt, Roy Disney riprese in mano lo story-board e lo portò a termine con la collaborazione di venticinque esperti di animaziona a Parigi.

Il corto racconta una storia d’amore, che ha come protagonista una ballerina, che volteggia in un paesaggio desertico, tra gli inquietanti oggetti dell’immaginario dell’artista: orologi cascanti, torri oscillanti, piramidi…

Nel fumetto in edicola oggi, sceneggiato da Roberto Gagnor e disegnato da Giorgio Cavazzano, narra come Topolino, Pippo e Paperino abbiano inconsapevolmente aiutato Dalì e Disney a realizzare Destino. I tre amici si trovano al mitico Studio 66, mentre i due artisti si incontrano in segreto per realizzare il progetto… Mentre spiano il duo, i tre personaggi finiscono per incanto nella tela che stava dipingendo Dalì. Per loro inizia un incredibile viaggio nell’universo del maestro.

Il fumetto verrà esportato anche all’estero.

Sotto il corto Destino e il video che mostra alcuni frammenti del fumetto Topolino e il surreale viaggio nel Destino:

Leggi il nostro speciale, In viaggio per Cartoonia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA