Il cinema si fa strada nei salotti. Il piccolo schermo non è più tanto piccolo e la frontiera dell’alta definizione è un traguardo ormai conquistato. Come tutti sanno insomma il vecchio televisore a tubo catodico sta cedendo sempre più il passo ai nuovi televisori HD (High Definition). Quello che non tutti i possessori di televisori HD sanno ancora però è che c’è un modo per sfruttare al meglio le alte prestazioni dei loro apparecchi super tecnologici. Il suo nome è Blu-ray Disc. A invitare tutti questi ignari spettatori a porre rimedio al più presto a questa grave mancanza è l’Associazione Blu-Ray Disc Group Italia promotrice di una campagna che consiglia di “non lasciar prendere polvere ai televisori HD e passare al raggio blu”. A snocciolare qualche dato che renda meglio l’idea della situazione attuale è l’amministratore delegato e direttore generale di Sony Italia, Gildas Pelliet che ci ha spiegato: «Esiste un gap tra il numero di televisori ad alta definizione posseduti dalle famiglie italiane (circa 7 milioni di pezzi) e quello dei lettori Blu-ray (1 milione, di cui oltre 600 mila PlayStation 3). Ci sono quindi circa 6 milioni di televisori HD che non vedono sfruttate al meglio tutte le loro potenzialità e per questo motivo siamo convinti che nei prossimi mesi le vendite aumenteranno esponenzialmente ». Previsione, aggiungiamo noi, senza’altro incoraggiata anche dalla continua crescita dell’offerta di titoli (siamo circa a 1000 attualmente) e dal calo dei prezzi dei lettori stessi. Ecco perché Best Movie vi svela tutto quello che avreste sempre voluto sapere e che non avete mai osato chiedere sul Blu-ray Disc…

Se “non volete far prendere polvere” al vostro televisore HD e sfruttarne a pieno le potenzialità la soluzione è convertirvi al Blu-ray Disc

Identikit
La storia del Blu-ray Disc comincia subito con una vittoria: quella ottenuta sul suo primo “rivale”, l’HD DVD (acronimo di High Defintion Digital Versatile Disc). Nati praticamente in contemporanea (correva l’anno 2002) come diretta evoluzione del Dvd per consentire la visione dei contenuti ad alta definizione, i due standard si sono dati battaglia per qualche anno, rallentando contemporaneamente la diffusione stessa di entrambi. A spuntarla è stato, come detto, il Blu-ray Disc (comunemente abbreviato con la sigla BD) che prende il suo nome dall’utilizzo di un laser a luce blu che permette di raggiungere i 54 GB di memoria, una quantità 12 volte superiore a quella di un normale Dvd che ospita 4,7 GB.
Tradotto in “termini cinefili” la rivoluzione Blu-ray Disc significa possibilità di vedere e sentire i film a una qualità decisamente migliore e di trovare una quantità superiore dei così detti contenuti extra. Un aspetto quest’ultimo in realtà trascurabile rispetto al primo: punto cruciale del cambiamento resta infatti il miglioramento della qualità video e audio. Il minutaggio contenuto in un Blu-ray Disc non supera infatti di molto quello di un Dvd, che si aggira intorno alle 4 ore (che era anche la durata dei vecchi VHS). Per farsi un’idea del miglioramento offerto dal “raggio blu” basti sapere che si passa dai 400 mila pixel del Dvd ai 2 milioni del Blu-ray e dal Dolby Digital o il DTS all’audio non compresso (PCM) o con un peso della traccia ridotto in modo da non alterare la qualità (Dolby TrueHD e DTS-HD Master Audio). Per chi si spaventa e perde il filo davanti a tecnicismi e sigle varie, un paragone utile da fare per capire la differenza tra un’immagine del vecchio tv color e quella di un televisore HD è quello che esiste tra una foto scattata col videofonino e una catturata dall’ottica di una macchina digitale di ultima generazione. Per farvi un’idea della qualità audio, invece, considerate che (con il film “giusto”) potreste arrivare a sentir tremare i vetri delle finestre. Se avete a disposizione un impianto home theatre e siete del tipo “che si fa prendere la mano” il nostro consiglio è di iniziare a pensare a un modo per farvi perdonare dai vicini di casa…

Per farsi un’idea della differenza che c’è tra un’immagine del vecchio tv color e quella di un televisore HD basta pensare a quello che esiste tra una foto scattata col videofonino e una catturata dall’ottica di una macchina digitale di ultima generazione

Istruzioni per l’uso
Condizione indispensabile per l’utilizzo dei dischi Blu-ray è disporre naturalmente dell’adeguata apparecchiatura. I primi a commercializzare il formato sono stati Samsung con il BD-P 1000 nell’aprile 2006 al costo di 1000 euro e Sony con PlayStation 3, distribuita nel novembre 2006 in Giappone e a marzo 2007 in Italia al prezzo di 599 euro. Oggi tutte le grandi marche di consumer electronics hanno a disposizione sul mercato diversi prodotti con prezzi molto competitivi (è possibile trovare lettori Blu-ray Disc anche al prezzo di 99 euro, mentre PlayStation 3 è scesa sotto ai 300 euro). E se avete una ricca collezione di Dvd non temete il lettore Blu-ray legge anche quelli (e vi permette di ascoltare anche i vostri Cd musicali). Per ottimizzare la visione del Blu-ray Disc però è indispensabile disporre di un televisore HD anche se i supporti BD sono perfettamente “compatibili” anche con le vecchie tv a tubo catodico grazie alla presa scart, presente su tutti i lettori. Esistono due principali tipi di televisori ad alta definizione: l’HD-Ready e il più recente Full HD, il primo mostra le immagini a una risoluzione di 1.280 x 720 pixel, il secondo di 1.920 x 1.080 pixel. Per il collegamento del lettore Blu-ray al televisore HD è necessario il cavo HDMI (solitamente incluso nella confezione del lettore Blu-ray).

Dal salotto al World Wide Web
Tra le ultime funzionalità introdotte dalla tecnologia Blu-ray c’è il BD live che permette, attraverso il collegamento del lettore a Internet (grazie alla porta Ethernet, presente sulla maggior parte degli apparecchi sul mercato), di accedere a contenuti multimediali legati al film e caricati dal distributore anche successivamente alla messa in vendita del disco. Uno spazio virtuale quindi “acquistato” insieme al Blu-ray Disc dall’utente che, oltre agli extra aggiuntivi, può usufruire di funzioni di chat e community che offrono la possibilità di interagire con gli altri possessori dello stesso titolo Blu-ray Disc (o in qualche caso anche di altri titoli della stessa casa di distribuzione). Un esempio è la possibilità offerta dal Blu-ray Disc di Harry Potter e il principe mezzosangue (Warner H.V. leggi qui tutte le info sulle edizioni home video) che permetterà agli appassionati di “intervistare” – in una speciale occasione organizzata ad hoc (il 18 dicembre 2009) – il loro beniamino Daniel Radcliffe comodamente seduti sul proprio divano di casa semplicemente connettendosi attraverso la funzione BD live. Un’ulteriore evoluzione del BD-Live è la tecnologia Movie IQ introdotta da Sony Pictures H.E. che consente invece di visualizzare i contenuti disponibili per il BD-Live in “diretta”, ovvero senza interrompere la visione del film e dover tornare al menù. Questa funzionalità è stata introdotta da Sony nelle edizioni Blu-ray di Angeli e demoni (leggi qui tutte le info sulle edizioni home video) e Terminator Salvation (sugli scaffali dal prossimo 25 novembre) che offrirà tra le varie opzioni anche la possibilità di vincere premi e partecipare a un sondaggio proprio attraverso la funzione BD-Live.

Oltre a garantire una visione ad alta definizione molti Blu-ray Disc consentono di ampliare il “bagaglio” di contenuti extra già inclusi nel disco connettendosi direttamente al Web

Extra…ordinari – Anche i contenuti speciali “si tingono di Blu”
Oltre a godere di una visione in HD del film, il Blu-ray Disc offre una visione ad alta definizione di tutti gli extra contenuti nel disco. Per consentirne la visione le case di distribuzione hanno sviluppato tecnologie ad hoc, come lo U-Control, usato dalla Universal Pictures in titoli come Fast & Furious: Solo parti originali, che presenta una grande quantità di contenuti speciali (oltre alla funzionalità BD Live) come il dietro le quinte con Paul Walker e il regista Justin Lin che commentano in diretta il film o il “garage virtuale” che permette allo spettatore di personalizzare la propria auto scegliendone le caratteristiche. Per un titolo come questo, in cui a farla da padrone sono il ruggire dei motori delle auto e gli scontri e gli inseguimenti tra i protagonisti, le alte prestazioni dell’audio garantite dall’alta definizione sono senza dubbio uno degli aspetti più accattivanti. Così come nel caso di Transformers: La vendetta del caduto (Paramount H.E.) che con il suo alto tasso di contenuti speciali è senz’altro da considerarsi un titolo adattissimo alla visione in HD. Un’altra caratteristica nata con il Blu-ray Disc è la possibilità di visionare in contemporanea al film anche alcuni contenuti extra grazie alla modalità “picture in picture”. Tale modalità consiste nella visualizzazione di una finestrella aggiuntiva sullo schermo sulla quale scorrono i contenuti selezionati, come accade per esempio nel Blu-ray Disc di X-Men le origini: Wolverine, distribuito da 20th Century Fox Home Entertainment che si avvale della tecnologia BD Java Ultimate X. Naturalmente l’ultimo nato del mondo home video non poteva fare a meno della terza dimensione. Così è stato per l’horror San Valentino di sangue (Medusa H.E.) e Viaggio al centro della terra (01 Distribution) che abbiamo potuto guardare con gli occhialini anche nel salotto di casa. Una tecnologia questa che non è ancora stata perfezionata per l’home video, ma che promette miglioramenti in un futuro prossimo che vedrà la nascita di lettori Blu-ray Disc con un software studiato ad hoc per la lettura del 3D. Naturalmente è anche il pubblico dei più piccoli a poter godere delle meraviglie offerte dal nuovo standard con una vasta scelta di film d’animazione ricchi di contenuti speciali e il revival di grandi classici tirati a lucido per debuttare nella nuova veste. A cominciare da titoli Disney molto amati come Biancaneve e i sette nani (Walt Disney Studios H.E.) che approderà sugli scaffali il prossimo dicembre in una versione restaurata nelle immagini e nell’audio e che promette contenuti inediti. Per rivivere anche le emozioni di ieri con le tecnologie di oggi…

Per rimanere sempre aggiornati sulle novità del mondo Blu-ray restate sintonizzati su www.bestmovie.it!


© RIPRODUZIONE RISERVATA