Nella saga di Shrek è certamente uno dei personaggi più affascinanti. Tanto che han deciso di regalargli un film tutto suo. Stiamo parlando dello spin off Il Gatto con gli Stivali, che uscirà il prossimo 16 dicembre e che narrerà le origini del personaggio. Ne abbiamo visti i primi 15′ in una speciale anteprima organizzata durante il festival di Cannes a cui hanno partecipato anche Antonio Banderas e Salma Hayek che prestano le loro voci ai protagonisti e ci siamo divertiti molto. Eccone un resoconto.

Tra i pirati e il western
In una piazza di una città di mare spagnola si sta tenendo una festa con tanto di fuochi d’artificio e musica. Un’ombra minacciosa si staglia sulle pareti di una squallida locanda e con una tipica entrata western appare un gatto con aria truce. I clienti sembran tutti pirati o al massimo loschi figuri trati da un romanzo sui quattro moschettieri. Tutti ridono e sfottono il gattino finchè non si accorgono che la sua faccia è appesa sui manifesti. Con una taglia. Il gatto si siede e beve il latte con una buffissima e veloce leccatina. «Non vorrete far arrabbiare il gatto, vero?», e prende una vittima a caso a cui punta la spada alla gola e con un movimento impercettibile della zampa e delle unghie gli taglia i pantaloni e lo lascia in mutande.

Fagioli magici e uova d’oro
Qui il gatto scopre l’esistenza di tre fagioli magici in grado di far crescere una pianta che consente di raggiungere l’oca dalle uova d’oro. I fagioli sono custoditi da Jack e Jill, che son due balordi sullo stile di Bonnie e Clyde. Jack impugna i tre fagioli e attorno alla sua mano ha una specie di cassetta di sicurezza lucchettata. Dopo aver preso alloggio in una stanza del paese si scopre che Jack non è poi così duro come sembra… Vorrebbe smetterla con la vita da farabutto e avere un bambino!

Kitty e la sfida di ballo
Il gatto entra nella stanza di Jack e Jill pronto a rubare i fagioli ma scopre di non essere solo. C’è un misterioso gatto mascherato che ha gli stessi intenti, scoppia la lite e si fan scoprire, quindi fuga notturna sui tetti della città fino a entrare in un locale di gatti che cominciano a suonare un’aria spagnoleggiante. Un cartello avvisa che è la serata delle sfide di ballo e i due gatti ovviamente duellano. Tra zampette flamenche e scorrettezze varie si giunge all’epilogo in cui si scopre che il gatto mascherato è in realtà una gatta! Molto coinvolgente e spettacolare questa “dance fight” dove viene fatto uso anche di ralenti, split screen e sfruttato il 3D anche per il pop up e non solo per l’effetto profondità (una scodella di latte viene lanciata contro il gatto co gli stivali e una goccia gli sporca provocatoriamente proprio la punta del piede, ma il latte si rovescia addosso anche al pubblico).

Una squadra da furti
Nella cantina del locale spunta Humpty Dumpty, vecchio compagno d’avventura del Gatto con gli stivali che però non si fida per dissapori passati. Humpty propone un’alleanza per rubare i fagioli, ma il gatto non ne vuole sapere e non sa che farsene di Kitty. «Ha la mano più morbida del pianeta», ribatte Humpty, alludendo al fatto che sa rubare senza destare sospetti. E mentre lo dice Kitty si sfila un guanto mostrando una zampetta sulla quale subito si gonfiano dei soffici peli. Ma il gatto con gli stivali non ne vuol sapere proprio, anche se Kitty gli sfila gli stivali senza che se ne accorga… Chissà come andrà a finire, senza dubbio questi primi 15 minuti ci hanno riempito di entusiasmo, tanto da dire che questo spin off potrebbe essere addirittura più divertente della serie originale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA