Il Mistero delle Pagine Perdute è disponibile da ieri, mercoledì 4 giugno, a noleggio e in vendita, distribuito da Walt Disney Studios Home Entertainment  su piattaforme tecnologiche multiple: in DVD disco singolo, in DVD disco doppio e in Blu ray Disc. Nella versione doppio disco, oltre al commento audio sono inclusi numerosi contenuti speciali, tra i quali le scene eliminate, gli errori e i fuori scena, qualche incursione sui luoghi delle riprese, il making of delle sequenze più avvincenti, come quelle dell’inseguimento di Londra o all’interno della biblioteca del congresso. Non mancano inoltre curiose Easter eggs, come l’incontro tra Nicolas Cage e Jon Turteltaub con gli allievi della Beverly Hills High School, o incursioni dietro le quinte con particolare attenzione alla creazione del Libro dei Presidenti (leggendario oggetto che riveste un ruolo fondamentale nel film), l’evoluzione della Città d’Oro (i set di Hollywood, le tecniche CGI e gli effetti speciali che hanno dato vita a quei luoghi), un documentario sulle radici dei Cavalieri del Cerchio d’Oro, una delle organizzazioni più misteriose e potenti d’America, con interviste a Warren Getler, esperto di Cavalieri, al cast e alla troupe. Il film segue il primo episodio del 2004 Il Mistero dei Templari (in uscita contemporanea in Edizione Speciale e per la prima volta in Blu ray Disc) e ha incassato complessivamente in Usa oltre 219 milioni di dollari e 9 milioni di euro in Italia. Protagonista è l’avventuriero e cercatore di tesori Benjamin Franklin Gates (Nicolas Cage), impegnato questa volta in una ricerca per riabilitare il nome del proprio trisavolo, Thomas Gates, accusato di aver preso parte all’assassinio del Presidente Lincoln. Per provarne l’innocenza Ben dovrà ricongiungere i litigiosi genitori (Jon Voight ed Helen Mirren) e recuperare il misterioso Libro dei Segreti in cui pare sia nascosta tutta la verità. Unico problema: solo una persona può accedere allo storico volume: il presidente degli Stati Uniti (Bruce Greenwood), per nulla disposto a separarsene.

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA