È un piacere vedere Dwayne Johnson crescere come attore film dopo film. Sia come attore che produttore, si è calato nei panni del semidio Hercules. In occasione dell’uscita in questi giorni del Blu-Ray e Dvd di Hercules – Il guerriero (qui tutte le informazioni sull’Extended Cut), diretto da Brett Ratner, che ha adattato per il grande schermo il graphic novel di Steve Moore. Secondo questa versione Hercules è un mercenario che deve recuperare il suo status di eroe leggendario. Una guerra alle porte della Tracia sarà l’occasione giusta. Al suo fianco troviamo John Hurt, Ian McShane e Joseph Fiennes. Best Movie, per l’occasione, ha incontrato l’attore, sempre più lanciato a Hollywood ed enormemente fiero di questo suo film. In futuro lo vedremo in Fast & Furious 7, presterà la voce al cartoon Disney Moana, farà un film sulla Cia e, soprattutto, sarà Black Adam in Shazam! della Marvel, che uscirà nel 2019.

Best Movie: Cosa ti è piaciuto di più nell’impersonare il il personaggio di Hercules?
Dwayne Johnson: «Mi è piaciuto molto il carattere umano del personaggio. L’umanità del progetto è la prima cosa che mi ha avvicinato. Inoltre, è da quando sono bambino che sono affascinato dal mito di Hercules».
BM: Cosa ti sei chiesto nel momento in cui ti sei avvicinato a questo progetto?
DJ: «Mi sono chiesto come avremmo potuto rendere questa versione diversa dalle altre e come avremmo potuto rendere questo film la versione definitiva per gli amanti di questa generazione di Hercules. Questo è ciò che mi sono chiesto e credo che il film abbia risposto».
DJ: In questo film di Hercules vediamo un uomo che non è nato per essere un eroe ma che lo diventerà. Avevate già deciso che sarebbe stato così?
DJ: «Sì, era già deciso. Volevamo modificare questo mito, chiedendoci come sarebbe stato Hercules se non fosse nato come una divinità. Come sarebbe stato se fosse nato come un uomo, un marito, un padre. Una persona che potesse piangere, insomma. È stata la parte più intrigante della pellicola».
BM: Come ti sei preparato fisicamente per questo film?
DJ: «Mangiavo dalle 7 alle 8 volte al giorno. Moltissime calorie per supportare gli orari che dovevo seguire. Ho lavorato in palestra tutti i giorni per diverse ore di seguito».
BM: Ti stanchi mai di dover vivere tra diete e continui allenamenti solo per stare in grande forma?
DJ: «Questa preparazione è stata sicuramente la più faticosa per me. Per Hercules mi sono dovuto preparare per un evento lungo 95 giorni. Ogni atleta che si sia mai preparato per un evento conosce le difficoltà che questo comporta. Ho dovuto mantenere la stessa condizione per 95 giorni. È stata veramente dura. Alla fine delle riprese del film ero veramente affaticato ed esausto».
BM: Ti sei fatto male durante la preparazione?
DJ: «Sei settimane prima di iniziare le riprese mi sono strappato due tendini del bacino. È stato molto doloroso e non ha aiutato la mia preparazione per questo ruolo. Ho dovuto subire una tripla operazione all’ernia solo sei settimane prima delle riprese».
BM: Cosa hai fatto?
DJ: «Ho parlato con Bret Ratner, il regista del film e gli ho spiegato l’accaduto. Abbiamo posticipato le riprese di due settimane. È anche per questo che ero così stanco alla fine delle riprese».
BM: Sapevi già chi sarebbe stato nel film insieme a te?
DJ: «Fortunatamente ho raggiunto un punto nella mia carriera in cui le mie richieste vengono ascoltate e contano qualcosa. Ho potuto aiutare nella scelta degli interpreti. È stato molto importante per me. La squadra di Hercules lo doveva aiutare nel diventare grande, una cosa mai vista negli altri film e la scelta del cast era essenziale».
BM: Come ti è sembrata questa versione di Hercules?
DJ: «Beh, la storia è basata su questa incredibile Graphic Novel che aveva letto Brett. Tutti i personaggi del film sono basati su questo testo e pensiamo che il risultato sia stato ottimo».
BM: Che ne pensi del tuo abbigliamento per questo film?
DJ: «Beh, penso che il perizoma possa fare tendenza nei prossimi anni! Ti fa stare fresco e ti fa sentire libero! Lo vedrei molto bene col marsupio…».
BM: È vero che sei stato contattato da Stallone per far parte dell’ultimo film dei Mercenari?
DJ: «No, non è vero. Non sono ancora pronti per me nella loro squadra!».
BM: Pensi mai di tornare al Wrestling?
DJ: «Una volta ogni tanto ritorno in realtà. È un buon modo per restare in contatto con il pubblico. E non ho bisogno di uno stunt li per fortuna!».

Guarda il video con ben 14 minuti di scene tagliate con Dwayne Johnson all’opera:
http://youtu.be/YlYa3ECzS-M

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA