Steven Spielberg per la storia. La sua ultima fatica, Il ponte delle spie, potrebbe infatti portarlo a battere il record degli Oscar. Infatti, attualmente, Spielberg si contende il secondo posto con John Ford, entrambi con 9 film candidati contro i 13 di William Wyler.

Il film è stato presentato al New York Film Festival: il protagonista è Tom Hanks, nei panni dell’avvocato americano James B. Donovan, inviato al culmine della Guerra Fredda in Unione Sovietica per negoziare il rilascio di Francis Gary, pilota di un’U-2 abbattuto in territorio sovietico. La critica ha applaudito convinta: sarà questo il film decisivo per superare Ford e attaccare Wyler?

A quanto pare potrebbe! Non solo Il Ponte delle Spie è tematicamente potente e carico di quel patriottismo che tanto piace agli americani, ma ha dalla sua una sceneggiatura che viene definita “brillante“, firmata dai fratelli Coen. Tom Hanks, inoltre, pare abbia regalato un’altra grande interpretazione, spolverata da un cinico umorismo e un carattere nobile e forte. Si parla già di un candidato sicuro alla categoria Miglior Attore, ma a brillare di più, a quanto pare, è Mark Rylance (The Gunman), che nel film interpreta la spia russa Rudolf Abel.

Lo Squalo, Indiana Jones e i Predatori dell’Arca perduta, E.T, Il colore viola, Schindler’s List, Salvate il soldato Ryan, Munich, War Horse e Lincoln. In uscita nelle nostre sale il 17 dicembre, ce la farà Il Ponte delle Spie ad unirsi a questa lista e portare le candidature di Spielberg a cifra doppia?

Fonte: Variety

© RIPRODUZIONE RISERVATA